Stilus Magistri

Il “Santo Legno” della Croce in Canosa

Storica venerazione del Venerdì Santo

Nel Venerdì Santo, giorno della Crocifissione e Morte di Gesù, a Canosa di Puglia(BT), la Processione dei Misteri, del Cristo Morto e dell'Addolorata si avvia dall'antica Chiesa del Carmelo che ha sede dal sec. XVII presso via dei Carmelitani e Salita Calvario , nella memoria millenaria di fede e di storia dei monaci Carmelitani del I secolo d.C., i quali uscendo dal monastero del Monte Carmelo percorrevano il monte palestinese fino al Santo Sepolcro, posto ai piedi del monte. L'Ordine dei Carmelitani si propagò in tutta l'Europa nel sec. XII. E nell'antica Chiesa del Carmelo. In molte Chiese della Puglia e di altre Regioni la Processione del Venerdì Santo ha inizio dalla Chiesa del Carmelo.

Nella Chiesa del Carmelo di Canosa, attualmente retta dall'affabile Parroco don Peppino Balice, viene venerato il Santo Legno, portato solennemente in processione sotto il "paliotto" dell'Arciconfraternita. Nella memoria storica delle reliquia, sfogliando le pagine dell'Archivio Storico della Chiesa del Carmine, negli anni scorsi, don Nicola Caputo, attualmente Vice parroco della Cattedrale, ha rinvenuto l'attestato di autenticità del frammento di legno, suggellato dal Vescovo di Andria, mons Giuseppe Cosenza nel 1842. Nella cronotassi dei Vescovi, il Vescovo mons. Cosenza resse la Diocesi di Andria dal 1832 al 1850, quando fu nominato Arcivescovo di Capua. Oggi, nella personale lettura del testo latino, vogliamo porgerlo all'attenzione della Comunità civile e religiosa, porgendo la traduzione dei testi che riportano la specificità della reliquia con il latino manoscritto dal Segretario del Vescovo, mons. Nicola Brudaglio.
Fidem facimus atque testamur nempe particulam Sacrosancte Crucis Dni Nostri Iesu Christi, (in fede attestiamo il pezzetto della Santa Croce del Signore Nostro Gesù Cristo), …ac reverenter reposuimus in Theca ex argento instar Crucis elaborata (e con deferenza lo abbiamo riposto nella Teca di argento elaborata a forma di Croce).
11 febbraio 1842 - Mons. Giuseppe COSENZA, Vescovo della Diocesi di Andria.

In effetti la teca di argento risulta a forma di Croce (instar Crucis), e l'ostensorio viene offerto al bacio devozionale dei fedeli al termine della processione. Impregnata da secoli, da generazioni, della fede cristiana, la reliquia del Santo Legno, ha la benedizione del Cristo Morto, evocando una spiritualità autentica e commovente, nel giorno più santo della Storia dell'umanità.Sulle vie dele radici ignote, sulle vie dell'attestato storico del Vescovo del 1842, sulle vie delle fede, veneriamo il frammento (particulam) della Santa Croce del Signore Nostro Gesù Cristo, venerata in alcune parti nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme in Roma.

Nel segno della Croce
maestro Peppino Di Nunno
Venerdì Santo del 2015
Santo LegnoReliquia del Santo LegnoTeca del Santo LegnoPergamena Santo LegnoTeca a forma di Croce
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.