Stilus Magistri

Il chicco di grano e la Croce di Gesù

A cura del maestro Giuseppe Di Nunno

"Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto" (Giovanni, cap. 12, v. 24).
A Canosa di Puglia, i bambini, guidati dai nonni, il Giovedì Santo, portano ai piedi delle urne dell'Eucarestia, detti "Sepolcri", i vasetti del grano germogliato in casa, al buio.
Sono fili di grano, pallidi, senza clorofilla, che attendono la luce della Resurrezione.

Sono "i fiori dei Sepolcri", tra piante di grano e anemoni, presenti in una tradizione millenaria, in Puglia, dal Gargano al Salento, nella Lucania, in Calabria, in Sicilia, dove germogliano "li ciuri di Sepulcru", in Sardegna, dove germogliano "i Nenniri", dalle radici pagane degli antichi Fenici e dei Giardini di Adone, ai tempi della Cristianità.
Da un chicco di grano, ai piedi della Croce di Gesù,
Buona Pasqua!

maestro Giuseppe Di Nunno
Sepolcri scuola in ChiesaI Sepolcri 2013I fiori dei SepolcriChiesa Passione
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.