Perchiazza
Perchiazza
Stilus Magistri

Canosa: Si declama “sei quanto una pianta di perchiazza”

Dal proverbio all’erba da insalata, dall’Antica Roma ai nostri giorni

Tempo di vendemmia a Canosa di Puglia, mentre rinascono spontaneamente nei vasi del mio balcone affacciati sull'area archeologica del Tempio di Giove Toro, le foglioline della perchiazza. In questi giorni l'amico vegliardo del Condominio Bartolomeo ne ha portato tante piante dalla sua vigna e l'abbiamo assaggiata con l'amica Lucia ad insalata secondo la tradizione. Cresce radente il terreno senza elevarsi generando nel linguaggio figurato dialettale proverbiale canosino la connotazione di una persona bassa: "si' quanda a na chiànde de perchiàzze!".

La chiamano impropriamente tra Canosa e Andria "chiapperina" ma si tratta di un'erba selvatica presente in tutte le Regioni d'Italia con diversi flessioni lessicali. Porchiacca o Purchiacca in Basilicata, Purchianella in Campania, Porcellana o Porcigiola nel dialetto veneto da noi ritrovata nel Dizionario Dialettale del Boerio del 1856, corrisponde nella classificazione di Linneo alla Portulaca oleracea. Viene citata in una tesi di Laurea Magistrale di una mia familiare di Salvatronda veneta nell'Università di Padova. Di proprietà salutari con zero di colesterolo, con acidi grassi Omega-3, magnesio e vitamine èa presente nei piatti poveri come insalata insieme ai pomodori nel mese di agosto e settembre. I Frati la offrivano in Corsica ai residenti. Erba proveniente dall'Asia, erba medicinale nell'Antico Egitto, presente nel bacino mediterraneo.

Nella nostra metodologia di ricerca storica abbiamo voluto ritrovarla con fatica nelle fonti degli autori dell'Antica Roma a dimostrare la notorietà della portulaca fino al Medioevo e ai nostri giorni.

La perchiazza dell'Antica Roma
Varrone nel I sec. a. C. la descrive nell'opera Disciplinae, nel Libro VIII De Medicina: "manducata portulaca cito tollit" con l'erba masticata. Ma è il Naturalista Plinio il Vecchio del I sec. d. C. a descrivere la porcillaca nelle sue proprietà medicinali nell'opera Naturalis Historia , liber XIX, 167.
«Sunt quaedam comitantia aliorum satus; papaver namque cum brassica seritur ac porcillaca, et eruca cum lactuca...»
E nel Liber XX 210-221 Plinio ne indica "i memorabili usi tramandati" nelle proprietà antiinfiammatorie.
«Est et porcillaca, quam peplin vocant, non multum sativa efficacior, cuius memorabiles usus traduntur».

E Columella del I sec. d. C. nel De re rustica scrive nel Libro XII, 12, 2 della portulaca con l'approsimarsi della vendemmia.
De re rustica liber XII, 13, 2
«Sunt etiam quaedam herbae, quas adpropinquante vindemia condire possis, ut portulacam et holus cordum, quod quidam sativam battim vocant...»
Ci sono alcune specie di erbe che puoi condire con l'approssimarsi della vendemmia, come la portulaca ......

E nei nostri usi si condisce con aceto e olio d'olia ad insalata cruda. E ritroviamo la portulaca nelle erbe del Medioevo nel Glossarium Latinitatis del du Cange, citate anche nell'Università di Paris in Francia. Portulak in tedesco, porcelane pourpier in francese aveva un uso culinario alla corte del Re Sole Luigi XIV, borzolaga in spagnolo, è un'erba delle Regioni d'Europa. Tutto il mondo è paese ,"tuttu u mùnne jò cume càste" in questo tempo di vendemmia con i campi radicati di perchiazza! Se vi recate al ristorante, accanto alla rucola chiedete anche la...perchiazza! Che merita di sentirsi alta e non ...bassa! Buona perchiazza a tutti!
Maestro Peppino Di Nunno
PerchiazzaInsalata di perchiazzaPerchiazzaPerchiazza
  • Dialetto
  • Enogastronomia
Altri contenuti a tema
Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni
Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"
Puglia: Il turismo enogastronomico, un gradimento legato alla qualità dei cibo Puglia: Il turismo enogastronomico, un gradimento legato alla qualità dei cibo Il servizio di degustazione rappresenta il 7% dell’offerta
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Il più autorevole premio letterario promosso dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
La Puglia valorizza il gusto delle tradizioni La Puglia valorizza il gusto delle tradizioni Successo della terza edizione del workshop “In Puglia il cibo è cultura”
Casa 28 Canosa nella Guida Osterie d'Italia 2024 Slow Food  Casa 28 Canosa nella Guida Osterie d'Italia 2024 Slow Food  Un riconoscimento importante dal 'Sussidiario del mangiarbere all'italiana'
Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Gli Angeli nel componimento dialettale di Sante Valentino
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.