Immacolata Concezione
Immacolata Concezione
Storia e dintorni

La Chiesa dell’Immacolata Concezione di Maria Petroni Ferrara

La donazione di un dolore di Madre

Nel culto dell'Immacolata Concezione a Canosa di Puglia la Chiesa Rettoria dell'Immacolata custodita dalla Suore Francescane Alcantarine costituisce un patrimonio umano e spirituale, civile e religioso. La Cappella gentilizia della famiglia Ferrara-Petroni riporta sull'architrave del portale l'iscrizione del 1862: LA PIETÀ VERACE - QUESTO TEMPIO ALL'IMMACOLATA STELLA MATUTINA ERESSE A. D. MDCCCLXII. Erano trascorsi quattro anni dalle apparizioni di Lourdes del 1858. La Cappella gentilizia fu donata con una dote per testamento olografo del 1867 alla comunità civile e religiosa da Maria Petroni, coniugata a Leopoldo Ferrara sulla vie della Transumanza da Castel di Sangro, a seguito della tragica perdita dell'unigenita figlia Caterina Ferrara, morta il 22 dicembre 1852,"da feral morbo percossa alla quindecima primavera", come attesta un monumento marmoreo nel "Camposanto". L'atto di morte ritrovato riporta il nome di "donna Catterina Ferrara", nella consuetudine dell'epoca del nome "Catterina", derivato dal lemma di derivazione latina "Catharina", dove la fonazione della lettera H si trasforma nella doppia della lettera T. Abbiamo riletto e consegnato le pagine del testamento olografo di Maria Petroni alla gentildonna Carmen Schieder, Vedova di Agostino Petroni, affidando alla sua sensibilità e condivisione e riscoprendo connotazioni storiche che qui riportiamo.

Il titolo della Chiesa
Il testamento olografo del 25 luglio 1867 dispone di far completare la Chiesa, sorta in Via Irpina, ai nipoti eredi universali, Francesco, Alfonso, Ferdinando, Giambattista Ferrara e di "adempiere a obblighi legati". Inoltre "detta Chiesa sarà benedetta sotto il nome dell'Immacolata Concezione", essendo venerata la statua dell'Immacolata, con Santa Giovina e Santa Maria Vetere. Erano trascorsi nove anni dalle apparizioni di Lourdes a Bernadette nel 1858.
La Congregazione dell'Immacolata
Si richiede di costituire una Congregazione dell'Immacolata Concezione con una dote di cento ducati, lire 425, con l'obbligo di fare la Novena all'Immacolata Concezione e la Novena del Natale a Gesù Bambino. Annotiamo dopo l'Unità d'Italia la compresenza monetaria di Ducati del Regno di Napoli e di Lire del Regno d'Italia.
Dotaggio a cinque donzelle povere
"Si lega a titolo di dotaggio la somma 250 Ducati e Lire Mille e sessantadue a favore di cinque donzelle povere del Comune di Canosa, non minori di anni diciotto, di qualunque condizione esse siano e da preferirsi fra le orfane, da sorteggiare ogni anno con l'intervento dell'Autorità civile e del Parroco nel giorno di Natale e nella Chiesa dell'Immacolata". La somma equivale oggi a circa 5.000 Euro.
Il Sindaco esecutore testamentario
Maria Petroni nominava "esecutore di questo testamento il Sindaco pro tempore del Municipio di Canosa, pregandolo per l'osservanza della volontà" del testamento pubblicato presso il Notaio Barbarossa Federico il 10 febbraio 1880.Infatti ritroviamo nell'Archivio Storico Comunale la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 95 del 20 Maggio 1894, in cui il Sindaco, Assessore facente funzione, Luigi Demetrio, acquisisce e istituisce la disposizione ed il sorteggio delle cinque donzelle.
Un premio alla virtù
Nella memoria del 22 dicembre 1852, che segnò nel dolore la morte dell'unigenita figlia Caterina di 15 anni, la madre nella pietà cristiana, dispose nel testamento olografo che si facesse "la novena del Natale a Gesù Bambino" con la donazione del dotaggio alle ragazze povere del paese, proprio nel giorno di Natale. Il 25 Dicembre 1907 nella Chiesa dell'Immacolata Concezione, "visto l'elenco delle donzelle orfane che hanno chiesto di essere annoverate nel sorteggio" alla presenza del pubblico, il Sindaco avv. Gaetano Tarantino assegna la dote "come soccorso alla miseria e premio alla virtù" alle seguenti giovinette, con cinquanta ducati o lire duecentododici per ognuna (nel 1867 equivalenti oggi a circa 1.000 Euro): Matarrese Nunzia, Nardi Maria, Notario Rosa, Matarrese Lucia, Lagrasta Lucia.Altre donzelle orfane di padre e madre figurano nel verbale dei sorteggi precedenti di fine Ottocento: D'Alba Maria, Di Fino Maria, Montenero Maria Lucia, Catano Anna, Paciolla Rosa, Suriano Riccarda, Grillo Maria Costanza, Giannarusti Emmanuela, Forina Angela, Di Fino Porzia.Emerge da questi verbali l'esistenza all'epoca di molti orfani, che promuoveranno la costituzione dell'Orfanotrofio femminile presso l'Istituto Immacolata, di cui abbiamo conosciuto alcune bambine.

Un filo conduttore ci conduce dopo 150 anni nella discendenza della Famiglia Ferrara al pronipote Eugenio Ferrara, suggellato anche nel titolo della Scuola Materna, che condivide ogni 8 Dicembre la memoria storica e la devozione e che ha condiviso con squisita umanità la storia nel contatto diretto della Sua persona.Anche da Lourdes il Cappellano dei pellegrini italiani, padre Nicola Ventriglia ha condiviso questo grande culto dell'Immacolata a Canosa inviandoci un messaggio. La storia è Maestra di vita e questa memoria costituisce un patrimonio umano, morale, civile, religioso, ecclesiale a cui siamo tutti chiamati per volontà testamentaria e per testimonianza a condividere, a sostenere con le opere e con le offerte la Chiesa e la Festa dell'Immacolata Concezione nata da un dolore di famiglia e tramandata ai posteri nella fede cristiana e nella venerazione della Vergine Immacolata radicata in Canosa e legata alla celebrazione del Natale di Gesù Bambino. Dal pregevole monumento comunale del '700 dell'Immacolata in Piazza Colonna o Largo Colonna, poi piazza XX Settembre e oggi piazza della Repubblica, alla Chiesa dell'Immacolata, la storia continua nella devozione popolare che dall'8 Dicembre conduce al Natale e alla nascita di Gesù Bambino.

SABATO 8 DICEMBRE 2018 SOLENNITÀ DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA MADRE DI DIO
Celebrazione SS. MESSE alle ore 07,00 - 08,00 - 09,15- 10,30 - 11,30 - 19,00,alle ore 09,15 la Santa Messa presieduta da Sua Ecc.za Mons. Luigi Mansi della Diocesi di Andria e animata dalla corale Polifonica della Basilica Concattedrale"San Sabino" diretta dal Prof. Salvatore Sica. Alle ore 16,30 avrà inizio la Processione percorrendo il seguente itinerario: Via Volturno, Via Saffi, Via Trutta, Via Montescupolo, Via Cappellini, Via Saffi, Via Balilla, Via Corsica, Via San Leucio, Via Pertini (già Liguria), Vico Friuli, Via Custoza, Via Goldoni, Via Villafranca, Via Badia S. Quirico, Via Tevere, Via Giuliani, Via Terme, Via Imbriani, Via Kennedy (sosta davanti alla casa natale di P.A.M. Losito e omaggio floreale), Via Corsica (rientro in Rettoria). Al termine della Processione, sarà celebrata la Santa Messa con canti eseguiti dalla Corale dei Santi Francesco e Biagio.
Buon Natale nelle radici dell'Immacolata incise nella pietra della Chiesa di Canosa.
Canosa, 8 Dicembre 2018 - 160° Anniversario delle apparizioni di Lourdes.
Maestro Peppino Di Nunno e Fraternità dell'OFS di Canosa.
Maria Petroni. campanaChiesa dell’Immacolata CanosaCanosa: Immacolata ConcezioneStatua Immacolata ChiesaCampana  Immacolata ConcezioneCanosa: Chiesa Immacolata ConcezioneProcessione Immacolata Concezione- CanosaProcessione Immacolata Concezione- Canosa
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.