Storia e dintorni

Un inedito documento, a Murgetta Rossi si trattò di un barbaro eccidio

Ritrovato in un fondo archivistico americano

UN INEDITO DOCUMENTO SULL'ECCIDIO DI MURGETTA ROSSI

Ritrovato in un fondo archivistico americano

A Murgetta Rossi si trattò di un barbaro eccidio.

I 22 soldati italiani furono ritrovati quasi completamenti nudi e a uno di essi era stata ficcata in bocca una pietra tagliente.

Erano tutti giovani sui 20 anni e furono uccisi con scariche di mitragliatrici, da parte dei tedeschi che lì, vicino Spinazzola, avevano piazzato delle artiglierie. Sono alcuni passaggi di un documento su Murgetta Rossi che ho ritrovato in un fondo archivistico americano, mentre stavo lavorando al documentario "Top Secret - Bari 2 dicembre 1943".

Scritto in italiano, lungo mezza pagina, era stato fotocopiato dagli Alleati che l'avevano inserito tra le carte dei loro archivi. Il documento sarà consegnato, come promesso, all'Archivio delle Memoria e della Resistenza di Barletta alla cui direzione vi è il Prof . Luigi Di Cuonzo.

Sebbene, apparentemente non ci dica molte notizie in più rispetto a quello che già conoscevamo ce ne dà alcune importanti: furono scattate delle foto delle tombe e dei muri, e si iniziarono indagini per conoscere il nome del comandante della batteria tedesca. Poi, purtroppo, evidentemente, tutto finì nel dimenticatoio, anzi peggio, tutto finì nell'Armadio della Vergogna se mai anche la strage di Murgetta Rossi vi fosse giunta.

Che fine hanno fatto, ad esempio, quelle foto?

A settembre, su Canosaweb, torneremo sui fatti dei giorni del settembre 1943 in Puglia più approfonditamente, con una serie di articoli su Barletta, Trani, Murgetta Rossi, Vallecannella (Cerignola).

Questa è solo un'anteprima.

Francesco Morra

(Foto dal sito www.agespinazzola.it)
murgetta rossi
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.