Bari la signora Maria Caldarulo 94 anni prima vaccinata
Bari la signora Maria Caldarulo 94 anni prima vaccinata
Religioni

Vaccinarsi: per la cura di se stessi e per il bene di tutti

La lettera del  Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi

«Un atto d'amore». Papa Francesco ha definito così la scelta di vaccinarsi contro il Covid-19. Una scelta consapevole, attraverso cui passa anche la cura dell'azione pastorale: lo ribadiscono i vescovi italiani nella nota "Curare le relazioni nel temo della ripresa", diffusa mercoledì 8 settembre u.s. In questa fase della pandemia, scrivono i Vescovi, «resta fondamentale mitigare i rischi di trasmissione del virus, che è ancora pericoloso, specialmente nelle sue varianti. È bene continuare a osservare le misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio».

Al centro il tema della vaccinazione che, precisano dalla Conferenza Episcopale Italiana, «Rientra nella più ampia materia della tutela della salute pubblica ed è affidato alle competenti autorità dello Stato. Finora l'obbligo vaccinale riguarda solo alcune circoscritte categorie di lavoratori. La normativa civile attuale non prevede l'obbligo vaccinale né richiede la certificazione verde per partecipare alle celebrazioni o alle processioni né per le attività pastorali in senso stretto (catechesi, doposcuola, attività caritative…)».

L'invito dei Vescovi è a fare quanto è nelle possibilità perché «le relazioni pastorali riprendano nella cura vicendevole e, specialmente, dei più deboli. L'esortazione a «incentivare il più possibile l'accesso alla vaccinazione dei ministri straordinari della Comunione eucaristica; di quanti sono coinvolti in attività caritative; dei catechisti; degli educatori; dei volontari nelle attività ricreative; dei coristi e dei cantori». Anche il Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi, in una lettera inviata ai presbiteri, Diaconi e religiosi della Diocesi, raccomanda di «Avere a cuore l'impegno di esortare sempre tutti a praticare la vaccinazione, visto che si tratta di una scelta che ha come valore di fondo non solo la cura di sé ma anche e direi soprattutto la difesa di un bene comune che è la salute pubblica». L'invito di Mons. Mansi: «Per dare ogni sicurezza alle famiglie, vi raccomando di accertarvi che quanti a diverso titolo esercitano qualche servizio pastorale e catechistico siano vaccinati e perciò abbiano sempre a portata di mano il green pass. Infine raccomando che in tutte le attività parrocchiali, compresa la liturgia, si continui ad usare la mascherina».
  • Mons. Luigi Mansi
  • Vaccinazione
  • Diocesi di Andria
Altri contenuti a tema
Inizio del cammino sinodale della Chiesa di Andria Inizio del cammino sinodale della Chiesa di Andria Celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo Mons. Luigi Mansi
Al via le  prenotazioni per  la terza dose del vaccino Al via le prenotazioni per la terza dose del vaccino La dichiarazione dell'assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco
Canosa: l'83% della popolazione ha ricevuto la prima dose di vaccino Canosa: l'83% della popolazione ha ricevuto la prima dose di vaccino Mentre il 73 % ha completato il ciclo vaccinale
Una transizione giusta. Transizione ecologica e inclusione sociale Una transizione giusta. Transizione ecologica e inclusione sociale Il tema della Giornata diocesana per la Custodia del Creato
ASL BT: l'87% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino ASL BT: l'87% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino Mentre, il 75% ha completato il ciclo vaccinale
ASLBT: 247 i pazienti fragili che hanno ricevuto la terza dose di vaccino ASLBT: 247 i pazienti fragili che hanno ricevuto la terza dose di vaccino Il Dipartimento Politiche per la Salute ha diffuso una circolare
Canosa: l'83% della popolazione ha ricevuto la prima dose Canosa: l'83% della popolazione ha ricevuto la prima dose Mentre il 73% la seconda dose
Canosa: al 72% dei giovani  la prima dose di vaccino Canosa: al 72% dei giovani la prima dose di vaccino Mentre al 57 per cento la seconda dose
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.