Polizia di Stato
Polizia di Stato
Cronaca

Polizia di Stato: 16 arresti per spaccio di stupefacenti, possesso di armi e favoreggiamento

Persone delle quali alcune incensurate e alcune con vari precedenti penali. A capo del gruppo c'erano due cerignolani

Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di detenzione di sostanze stupefacenti e di armi, di minacce e favoreggiamento. "Non si tratta di una associazione a delinquere vera e propria ma di un gruppo di persone, alcune incensurate e alcune con vari precedenti penali, ben organizzato nello spaccio di droga fra Canosa e Cerignola" ha spiegato il procuratore aggiunto di Trani Francesco Giannella.

Gli arresti sono stati eseguiti da un centinaio di agenti in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 15 indagati, emesse dal gip su richiesta del pm Antonio Savasta. Ai domiciliari è finita l'unica donna del gruppo, A.S., canosina di 31 anni. Un 20enne, invece, è stato arrestato in flagranza di reato: D.L.L., trovato intento a nascondere la droga sequestrata questa mattina.

A capo del gruppo - secondo gli investigatori - c'erano due cerignolani, che si occupavano di fornire le sostanze stupefacenti, in un caso anche cocaina. Si tratta di M.R., di 48 anni, e di P.P., di 36. Le indagini che hanno portato agli arresti sono durate circa quattro mesi ma il primo spunto investigativo è del gennaio 2010, all'indomani della scomparsa di Sabino D'Ambra, ritenuto vittima della lupara bianca.

All'epoca fu trovato dagli investigatori un biglietto anonimo che incolpava di quella scomparsa due pregiudicati: C.C., 30enne arrestato oggi e C.S., 31enne, ammanettato nel dicembre 2010, entrambi di Canosa di Puglia. Nello scritto si lasciava intendere che D'Ambra aveva portato all'arresto di C.A., un altro pregiudicato.

Negli ultimi quattro mesi le indagini si sono concentrate sulle persone arrestate . Tra queste c'é un tipografo, accusato di favoreggiamento, che per conto della polizia fu incaricato di preparare il tabellone con nomi e volti degli arrestati nell'operazione del dicembre 2010. Conoscendo alcuni di loro, fra cui C.D.C., lo avvertì consentendogli di fuggire e di affidare, prima di essere arrestato, il compito di recuperare soldi e droga, anche in modo violento, a M.M., 40enne arrestato oggi.

Gli altri destinatari del provvedimento restrittivo sono L.A., 34 anni, C.A., di 24, L.N. di 38, D.G.M. e D.N.A., entrambi di 21 anni, D.C. Di Molfetta, di anni 23, P.B. di 33 ed S.V. di 20 anni. (Fonte Ansa)
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.