scuola
scuola
Territorio

Disponibili 150 milioni di euro per le scuole italiane

La Regione Puglia suona la sveglia a Province e Comuni. Anche Canosa parteciperà al bando?

Il Governo stanzia 150 milioni di euro per le scuole italiane, e le Regioni suonano al sveglia ai Comuni.
Entro il 15 ottobre, la regione Puglia dovra' trasmettere al Ministero Istruzione, Universita' e Ricerca l'elenco completo per interventi di riqualificazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici statali e in via prioritaria di quelli in cui si registra ancora la presenza di amianto.

Entro il 30 dello stesso mese, lo stesso Miur provvedera' a ripartire lo stanziamento di 150 milioni di euro disponibili per tutto il territorio nazionale, cosi' come espresso nel Decreto del fare, convertito in legge ed in vigore dal 21 agosto scorso.
Per fare presto, nella speranza di raccogliere il maggior numero di progetti, l'assessore regionale Alba Sasso ha inviato una comunicazione ufficiale a tutti i presidenti di Provincia e sindaci pugliesi chiedendo "agli enti locali in indirizzo di far pervenire alla Regione l'elenco delle opere da finanziare per le quali esistano già progetti esecutivi, immediatamente cantierabili e relativi ad interventi di messa in sicurezza, adeguamento a norma, ristrutturazione e manutenzione straordinaria"

Di seguito, il testo integrale della nota: ''Si invitano le amministrazioni a volersi attivare, da subito, per poter usufruire delle risorse stanziate dalla legge sottolineando che le richieste dovranno riguardare esclusivamente edifici scolastici di proprieta', regolarmente censiti nell'Anagrafe regionale dell'edilizia scolastica e dovranno essere inoltrate, a pena di irricevibilita', sia mediante la procedura on line, che sara' attivata sul sito dell'anagrafe regionale, sia per posta elettronica certificata''.
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.