Pollo avicola
Pollo avicola

Record di consumi per la carne avicola

E' la più presente sulle tavole degli italiani

E' record di consumi per la carne avicola con 21,56 chili per persona nell'ultimo anno per la quasi totalità garantite Made in Italy per effetto della svolta salutista impressa dall'emergenza Covid. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti Puglia sui consumi del pollo, con la consistenza in Puglia di 96 allevamenti dove si allevano 13 milioni di capi. Le carni avicole sono le più consumate dai consumatori che possono contare su una produzione nazionale che garantisce l'autoapprovvigionamento e per questo è importante verificare sempre l'etichetta per verificare l'origine italiana che assicura i più alti livelli di qualità e sicurezza. Le carni di pollo con 20 chili a testa all'anno – spiega Coldiretti regionale – sono le più presenti sulle tavole degli italiani con oltre 1/3 (35%) della spesa totale seguite da quelle bovine (33%) e di maiale (20%). Mentre nel confronto con il resto del mondo i consumi dell'Italia si attestano sotto la media UE che supera i 25 chili mentre negli Stati Uniti e in Canada si tocca il picco di 47,4 chili e in America Latina si arriva a 32,2 chili pro capite. A livello nazionale l'Italia può contare su una rete di 6.300 allevamenti professionali che offrono lavoro a 64mila persone per una produzione totale di oltre 1,3 milioni di tonnellate di carni avicole in grado di garantire l'autosufficienza al Belpaese spiega un'analisi di Coldiretti su dati Unaitalia. Una filiera che risponde all'esigenza di 8 italiani su 10 (82%) che per il loro carrello della spesa puntano sui prodotti Made in Italy secondo l'indagine Coldiretti/Ixè. Una ricerca facilitata anche dalle informazioni contenute nell'etichetta di origine obbligatoria delle carni avicole che ha compiuto i suoi primi 16 anni essendo nata ufficialmente il 17 ottobre 2005.

L'obbligo di indicare il Paese di origine in etichetta grazie al pressing della Coldiretti è in vigore per la maggioranza degli alimenti in vendita, dalla frutta alla verdura fresca, dalla pasta al riso, dalle conserve di pomodoro ai prodotti lattiero caseari, dal miele alle uova, dalla carne bovina a quella di pollo fino ai salumi per i quali si attende a breve la pubblicazione del decreto. L'allarme globale provocato dal Coronavirus – conclude la Coldiretti – ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico della filiera del cibo e delle necessarie garanzie di qualità e sicurezza ma ne sta però mettendo a nudo tutte le fragilità sulle quali è necessario intervenire con un piano nazionale per difendere la sovranità alimentare e non dipendere dall'estero in un momento di grandi tensioni internazionali sugli scambi commerciali.
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.