Stilus Magistri

Un giovamento per la fine dell’anno.

Nu suggiùve / che l’ànne nùve.

Volge l'anno alla fine, con una poesia in dialetto dedicata ad una coppia anziana di amici, Rosetta e Ignazio con le nozze celebrate con don Raffaele Biancolillo il 30 dicembre 1967, dopo il suo arrivo a Canosa. La poesia viene recitata con il saluto ad un canosino emigrante e Torino, Elio Iacobone, poeta in vernacolo con l'opera "l'emigrante".
La poesia è dedicata agli sposi di quest'anno, che hanno suggellato il loro amore nella nostra città, in particolare nella Cattedrale di San Sabino, tra figli,nipoti, amici e canosini in divisa da Carabiniere.
Gli sposi sono la nostra gioia, sono la nostra speranza, sono il nostro futuro, sono le future famiglie che restano o che vanno lontano, emigrando, ma radicate nella voce in dialetto del popolo, quando passava la sposa: "mu pàsse la zòte!", come evocammo col prof. Francesco Sabatini il 15 Aprile 2013 in visita al Liceo Fermi di Canosa, uscendo dalla Cattedrale San Sabino verso l'una.
La nostra sposa anziana ha fatto con le proprie mani un dolce, "nu suggiùve".
Auguriamo, dalla povertà dei nostri padri ai nostri giorni, un "sollievo" fisico o morale, un sollievo a tavola o in famiglia, un sollievo del cuore e dello spirito: "nu suggiùve / che l'ànne nùve".

Buona fine e buon principio!
maestro Peppino Di Nunno

Li zòte grànne
Stève u sàule, ma facève tànda frìdde,
u pruvérbie dòce, "abbràzzete che jìdde",
Rosètte e Memìne se vulévene abbrazzè,
ma pròme, cu vèle, s'avévana spusè.
U jùrne 'nnànze, se sciò a cumbessè,
sciò 'nzìme a zòte, pròme de spusè,
ma l'attène dìsse, "jà 'ndecénde!",
quésse jà la stòrie du sendeménde.

Jòsce l'usànze òne cambiète,
quarandasétt'ànne òne passète,
'nzìme bélle, càmbene li zòte,
e màngene nu piàtte de zòte,
zòte, mizzezòte e zetéune,
m'arrecòrde, jémme uagnéune.

Mu pàsse la zòte cu vèle 'nghèpe biànghe,
auànne péure Canàuse de nàve jè biànghe,
mu pàssse la zòte e manème li cumbìtte,
u zòte ò fàtte grànne, ma stè rìtte, rìtte,
mu pàsse la zòte e arròve l'ànne nùve,
Rosètte ò 'mbastète péure nu suggiùve,
nu suggiùve dòlce, dolce, fàtte cu còre
e na preghìre 'n dialétte a Crìste Segnòre.

So' tùtte presénde, amòce e parìnde,
a Rosétte e Ignazie, tànda cumblemìnde!

Auguri! Da Elena e Peppino Di Nunno

Canosa di Puglia, 30 dicembre 2014
Festa in Condominio Ruggero Bacone, 42.

Gli sposi anziani

C'era il sole, ma faceva tanto freddo,
il proverbio dice "abbracciati con lui",
Rosetta e Mimino si volevano abbracciare,
ma prima, col velo, dovevano sposarsi.
Il giorno avanti, lei andò a confessarsi,
andò insieme allo sposo, prima di sposarsi,
ma suo padre disse, "è indecente!",
questa è la storia di un sentimento.

Oggi, le usanze sono cambiate,
quarantasette anni son passati,
insieme, belli, vivono gli sposi,
ziti, mezzi ziti e zitoni,
mi ricordo, eravamo ragazzi.

Ora passa la sposa e sul capo il velo bianco,
quest'anno pure Canosa di neve è bianca,
ora passa la sposa e lanciamo i confetti,
lo sposo ormai è grande, ma sta dritto, dritto,
ora passa la sposa e arriva l'anno nuovo,
Rosetta ha impastato pure un giovamento,
un giovamento dolce, dolce, fatto col cuore,
e una preghiera in dialetto a Cristo Signore.

Sono tutti presenti, amici e parenti,
a Rosetta e Ignazio, tanti complimenti!

Auguri dal maestro Peppino Di Nunno
Canosa di Puglia, 30 dicembre 2014
Sposi del 30/12/1967Nevicata del 30/12/2014Cattedrale S.Sabino
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.