Stilus Magistri

Il Crocefisso d’avorio

Cattedrale San Sabino – Canosa di Puglia


Il Crocifisso in avorio del XII secolo (cm. 28 x 22), di origine bizantina, rappresenta, nella iconografia, la figura solenne del Cristo. É un "capolavoro di straordinaria bellezza e di grande significato teologico, dove la Croce non è patibolo, ma trono regale che rivela la Regalità dell'Amore ed il mistero della Redenzione" (mons. Felice Bacco).

Il retro del Crocefisso presenta motivi decorativi con rosette a sei petali incluse in un cerchio. Si osserva che le rosette sono sempre raggruppate in numero di tre quasi a voler rappresentare la Trinità.

Sul retro un raro e prezioso reliquiario conserva sotto il vetro una "pietra rossa", come descritto dal Baronio. E' un segno della Passione di Cristo? Forse gocce di sangue su una piccolissima pietra?

La regalità del Cristo traspare nel volto disteso e illuminato, negli occhi chiusi ma non sofferenti, nei capelli ordinati che scendono sulle spalle, nella barba curatissima con i riccioli all'estremità, con le mani ed i piedi non sovrapposti lungi formi, con l'aureola di santità che porta il segno della Croce.

Il perizoma che cinge i fianchi è la veste liturgica del Cristo Sacerdote, interrotto da un laccio trapuntato, che pare una Stola Sacerdotale, con i lembi che scendono sulle ginocchia.

L'iconografia del Crocefisso non riporta il "CHRISTUS PATIENS", il Cristo Sofferente della Passione, ma il CHRISTUS SACERDOS, il Cristo Sommo Sacerdote ed Eterno, come riporta la Lettera di San Paolo Apostolo agli Ebrei (cap. 5, vv. 1-10): "divenne causa di salvezza…essendo stato proclamato da Dio Sommo Sacerdote".

É un "capolavoro di straordinaria bellezza e di grande significato teologico, dove la Croce non è patibolo, ma trono regale che rivela la Regalità dell'Amore ed il mistero della Redenzione" (mons. Felice Bacco).

A cura del maestro Peppino Di Nunno
7 agosto 2009
(Si ripropone la pubblicazione dal portale di canosaweb).
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.