Canosa di Puglia ph Savino Mazzarella
Canosa di Puglia ph Savino Mazzarella
Un Paese di Poesia

Nei ricordi “Le véuce de tànne”

La poesia di Sante Valentino per Ognissanti

Per Ognissanti, il poeta Sante Valentino, nell'ambito della rubrica "Un Paese di Poesia" propone "Le véuce de tànne", componimento in vernacolo dal titolo "Le voci di allora" per ricordare il passato, la memoria storica attraverso il dialetto e i detti antichi che non falliscono mai. """Tutti coloro che dimenticano il loro passato sono condannati a riviverlo", così citava lo scrittore e poeta Primo Levi, e noi vogliamo farvelo rivivere - commenta Sante Valentino - attraverso questa poesia della rivisitazione e del ricordo che è anche un documento storico-antropologico dal titolo "Le véuce de tànne". Riscopriamo – conclude il poeta canosino - dunque le nostre radici e riandiamo nei meandri della nostra memoria alla ricerca di quelle emozioni e di quei ricordi che ci riportano a un vissuto di gioia, di amore e di speranza. Le nostre radici rappresentano la nostra storia identitaria le basi su cui erigere il nostro futuro."""

"Le véuce de tànne"
Ce scète aggerànne che le stràtere nòste
ve père de sénde angòre da quàlche vànne
le véuce de tànne.
Jéune la vòlte muje nan bàrlene chiéue…
Hone ammepéute.
Na jévene reméure chire ca sendìve
ma sùne c'abbuvescévene l'àneme;
quàne facève jùrne pòje, l'avìva da sénde
chìre marteddète du ferrère
e cure lùcchele du furnère o zinne de la strète.
De chìre mestìre de na vòlte
m'hone rumèse jinde le véuce:
ve l'arecurdète u gelatìre che la carrétte
e cùre ca vennève u grattamariànne
e u conzapiàtte ca cusève li piàtte rùtte?
Mànghe l'acquàjule aggjòre chiéue
che li varròle 'ngùdde;
u pannacère che la trainélle
s'ho viste fíngh'a picche tímbe 'ndrète
quàne ho mùrte l'ùteme ciùcce,
e u cangiaréule jà na ròcchje
ca nan gànge ciappe e capesciòle
che capidde e trecce.
Hone sparéute tùtte:
cum'a l'òme c'accattève la morgadùgghje,
a l'ammolafùrce, o 'mbrellère.
Jévene tànde ca jenghjévene le stràtere nòste
e a ògne gròte le fémmene jessévene ad accattè e a cangè.
Ce allegròje, ce féste se resperève
cum'a a quàne passève u pianòne cu pappagàlle
ca pegghjéve cu bécche u begliétte de la fertéune.
Eppòje, l'aviva da vedélle
cume durmévene jind'a li trajòne li zappatéure.
So' quàdre ca u tímbe ho 'ccumegghjète de pòlve
e s'hone pérse strèta strète
'nzimm'a la capellìre, a la vammère, a la lavannère,
la recamatròce, u magnattelère, u stagnère e u panarèle.
La cummère derembétte
se fermève vulendìre a dece do chiàcchiere:
se redeve che pícche e nan ze scève de fòdde.
S'hone achiéuse le pùrte,muje, rète a cùre tímbe:
jàute crestiène, jàuta génde, jàute mùnne.
Hone ammepéute le véuce de tànne,
hone ammepéute le stràtere
péure ca muje camenème 'mmezz'a li reméure.
Cissà, ce cùre zezòje ca vèce angòre cialéune
jà u scettabbànne…
cùme ce fòsse c'ho gredète n'ata vòlte
o zínne de la strèta nòste!
Sante Valentino


Le voci di allora /Se andate in giro per le nostre strade/vi sembrerà di risentire da qualche parte/le voci di allora./Una alla volta ora non parlano più/Sono ammutolite/.Non erano rumori quelli che sentivate/ma motivi che risvegliavano l'anima;/quando albeggiava poi, dovevate sentirle/quelle martellate del maniscalco/e quel grido del fornaio all'angolo della strada./Di quei mestieri di una volta/mi sono rimaste dentro le voci:/ve lo ricordate il gelataio col carretto/e quello che vendeva le granite/ed il concia piatti che ricuciva i piatti rotti?/Neanche l'acquaiolo gira più con i barili addosso;/il venditore di stoffe col carretto/s'è visto fino a poco tempo fa/quando è morto l'ultimo asino,/e il barattiere è un pezzo/che non scambia fermagli e fettucce/con capelli e trecce./Sono spariti tutti:/come l'uomo che comprava l'olio di morchia,/l'arrotino e l'ombrellaio;/erano tanti a riempire le nostre strade/e a ogni grido le donne uscivano di casa a comprare e a scambiare./Che allegria, che festa si respirava/come quando passava il pianino col pappagallo/che beccava il biglietto della fortuna./E poi, dovevate vederli/come dormivano nei traini /quando rientravano dai campi i contadini./Sono quadri che il tempo ha coperto di polvere/ e si sono persi strada facendo/insieme alla pettinatrice, alla levatrice, alla lavandaia,/la ricamatrice, il mignattaio, lo stagnaro e il panieraio./La comare di fronte/si fermava volentieri a fare due chiacchiere:/si rideva con poco e non si andava di fretta./Si sono chiuse le porte, ora, dietro quel tempo:/altre persone, altra gente, altro mondo./Sono ammutolite le voci di allora,/sono ammutolite le strade/anche se adesso camminiamo tra i rumori./Chissà, se quell'uomo che va ancora in giro/ é il banditore.../mi sembra che abbia gridato un'altra volta/all'angolo della strada nostra…!

  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La culla, “navicella” dei neonati La culla, “navicella” dei neonati La “navicula” dall’Antica Grecia all’Antica Roma, alle Regioni italiane del ‘900, a casa mia
Alla riscoperta dei luoghi dell'anima Alla riscoperta dei luoghi dell'anima “Na sàire de nuvémbre” la poesia autobiografica di Sante Valentino
La riscoperta del pergolato:"La préule" La riscoperta del pergolato:"La préule" Il ricordo nella poesia dialettale di Sante Valentino
Canosa: le emozioni del dialetto Canosa: le emozioni del dialetto I poeti Sante Valentino e Antonio Faretina ospiti della Pro Loco
Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Sante Valentino e Antonio Faretina gli ospiti della serata
Il campanile simbolo di un popolo e di un paese Il campanile simbolo di un popolo e di un paese "U Cambanèle" la poesia di Sante Valentino
Le orecchiette bianconere per la Juventus Le orecchiette bianconere per la Juventus La cucina pugliese per i Campioni d’Italia
Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Piedi d’estate sull’arena
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.