di Gioia
di Gioia
Amministrazioni ed Enti

Si è dimesso l’assessore regionale all’agricoltura Leonardo di Gioia 

Emiliano: "Continueremo a lavorare con il comune obiettivo di completare l’attuazione del programma di governo"

Da poche ore l'assessore regionale all'agricoltura Leonardo Di Gioia si è dimesso consegnando le sue deleghe al presidente Michele Emiliano. Le dimissioni hanno decorrenza dal 5 luglio, come ha scritto stesso nella lettera missiva ad Emiliano. "Caro presidente, con la presente sono a rassegnare le mie dimissioni dal ruolo di Assessore con delega all'Agricoltura della giunta da te presieduta con decorrenza dal 5 luglio 2019. Tale termine differito rispetto alla data di presentazione di questa nota mi consentirà di partecipare a due audizioni presso la Camera dei Deputati per conto della Conferenza dei Presidenti delle Regioni su questioni agricole in programma mercoledì 3 p.v. e di salutare giovedì 4 il personale in assessorato. Ti ringrazio – conclude - per la grande opportunità che in questi anni mi hai dato, conferendomi un ruolo di primaria importanza nella nostra Regione e a livello nazionale con il Coordinamento dei colleghi di tutta Italia, e per l'affetto che hai più volte manifestato anche pubblicamente per me. Continuerò a lavorare per la Puglia con impegno e lealtà"

Con riferimento alle dimissioni presentate dall'assessore Leonardo Di Gioia, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha dichiarato "Ringrazio Leonardo Di Gioia per il contributo importante che ha dato in questi anni alla nostra amministrazione alla guida dell'assessorato all'Agricoltura. Non sono stati anni facili, ma sono stati affrontati sempre con grande spirito di servizio e attenzione. Continueremo a lavorare con il comune obiettivo di completare l'attuazione del programma di governo".

Sulla notizia delle dimissioni dell'Assessore Leonardo Di Gioia è intervenuto il presidente di Confagricoltura Puglia,Luca Lazzàro:"Siamo arrivati al redde rationem di una serie di fibrillazioni politiche, pre e post elettorali. Ma a farne le spese sarà l'Agricoltura pugliese. Di fatto la Regione ha perso totalmente il timone del settore ed è prossima allo sbando.La fase è delicatissima - spiega Lazzàro - La minaccia della xylella e i 300 milioni in arrivo per affrontarla; il nodo Psr che sembrava prossimo a sciogliersi e il rischio di disimpegno dei fondi sempre più vicino. La Puglia non può permettersi un'altra fase di stallo. Ma la Regione sembra non avere idea di quale strategia usare".

In conseguenza delle dimissioni di Leonardo Di Gioia, secondo Confagricoltura Puglia, "l'Assessorato sarà letteralmente fuori controllo". All'uscita di scena dell'assessore seguirà infatti la scadenza dell'incarico di Direttore generale del Dipartimento Gianluca Nardone e successivamente anche quello del Dirigente dell'Autorità di Gestione Luca Limongelli. "A queste caselle vuote seguirà un vuoto operativo da parte della struttura?", domanda Luca Lazzàro. "Confagricoltura si augura che questo immenso vulnus nell'organizzazione dell'Assessorato venga al più presto colmato, anche e soprattutto da una strategia d'azione complessiva per difendere e rilanciare l'Agricoltura pugliese: è questa l'unica logica che deve essere presa in considerazione".

"Ci auguriamo che questa volta le dimissioni di Di Gioia siano reali e non si ripeta il solito teatrino già visto nel passato. E' stata finalmente accolta la richiesta della Coldiretti Puglia che in solitudine ha chiesto negli ultimi mesi le dimissioni per la palese incapacità dimostrata dall'Assessore regionale all'Agricoltura nell'affrontare l'emergenza Xylella e nella disastrosa gestione delle risorse comunitarie di un PSR ingessato che ha impedito gli investimenti delle aziende agricole e spento il sogno e negato il lavoro a migliaia di giovani che volevano investire e avere un futuro in agricoltura", è quanto dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, alla notizia delle dimissioni dell'Assessore regionale all'Agricoltura, Leonardo Di Gioia. "Per 3 anni e mezzo, dall'agosto 2015 ad oggi, non sono state date risposte concrete ad un'agricoltura pugliese affamata che ha bisogno di fatti e 'giusti tempi', privandola della centralità che merita, con omissioni, ritardi, scaricabarile", aggiunge il presidente Muraglia.

Analizzando i dati dell'ultimo Bollettino Mipaaft, al 31 marzo scorso, restano da spendere entro il 31 dicembre p.v. 283,3 milioni di euro (171,4 milioni Feasr), aggiunge Coldiretti Puglia, risorse a rischio disimpegno entro la fine di questo anno, di cui 71 milioni per le misure strutturali che la Puglia rischia di restituire a Bruxelles. Adesso per Coldiretti Puglia bisogna voltare pagina in fretta, con un deciso cambio di passo di tutta l'amministrazione regionale "perché il bilancio di quanto fatto su Xylella, PSR, Consorzi di Bonifica, 12 leggi prodotte, alcune delle quali inapplicate o inapplicabili per mancanza di punti e virgole, risorse, ostacoli burocratici – insiste il presidente Muraglia - è fallimentare su tutta la linea". "Nell'azione del Governo regionale è mancata una visione strategica che pesa sulla competitività delle nostre imprese che hanno bisogno di istituzioni forti e responsabili al loro fianco", conclude il presidente Muraglia.








  • Emiliano
  • Assessore di Gioia
Altri contenuti a tema
Al via Agrilevante, rassegna biennale internazionale Al via Agrilevante, rassegna biennale internazionale Dedicata alle macchine e alle tecnologie per l'agricoltura,
Che ci siano altri mille anni di acqua pubblica in Puglia Che ci siano altri mille anni di acqua pubblica in Puglia Emiliano alla presentazione delle iniziative per centenario acqua pubblica
Non ci sono ospedali chiusi ma solo trasformati. Non ci sono ospedali chiusi ma solo trasformati. Emiliano visita il Presidio Post Acuzie di Canosa
Emiliano a Canosa al Presidio Post-Acuzie Emiliano a Canosa al Presidio Post-Acuzie Per la presentazione delle due nuove sale operatorie dedicate al day service chirurgico.
Il nuovo info-point nel porto di Bari Il nuovo info-point nel porto di Bari Emiliano e Capone all'inaugurazione
A Lino Banfi e  Michele Emiliano il Premio "Vigna d'Argento" A Lino Banfi e Michele Emiliano il Premio "Vigna d'Argento" A Roma, la cerimonia nella "Sala della Regina" di Montecitorio
Reference Sites :la Puglia  insignita con quattro stelle Reference Sites :la Puglia insignita con quattro stelle Eccellenza europea per le politiche e gli interventi per l'invecchiamento
Il bello del nostro Rifiuto io lo uso Il bello del nostro Rifiuto io lo uso Nella Fiera del Levante, presentato il progetto di educazione ambientale nelle scuole
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.