Cormorani  Puglia
Cormorani Puglia
Territorio

Puglia: Invasione di cormorani per la tropicalizzazione del clima

A dicembre, temperatura di 2,65 gradi superiore alla media storica

Con una temperatura di 2,65 gradi superiore alla media storica, valori mai registrati prima anche a dicembre, c'è l'invasione di cormorani in Puglia, gli uccelli che si cibano di pesce, più che triplicati a causa della tropicalizzazione del clima, con ripercussioni economiche gravi per i pescatori e per gli allevamenti di pesce in mare aperto. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in relazione al clima anomalo con la finta primavera che manda la natura in tilt e fa proliferare la fauna selvatica, come i cormorani che da migratori sono diventati stanziali in Puglia con danni alla pesca negli allevamenti, in mare ed in laguna. La presenza sempre più invasiva dei cormorani viene segnalata dai pescatori in provincia di Bari sia a sud, tra Mola di Bari e Torre a Mare che a nord tra Giovinazzo e Bisceglie, sulla costa di Taranto, nella laguna di Varano, sulla Diga di Capaccio del Celone a Lucera e presso la palude del Lago Salso a Manfredonia, a Gallipoli e sugli oltre 400 chilometri di costa della regione.

Ogni Cormorano mangia fino a 10 chilogrammi di pesce al mese, oltre 300 grammi al giorno, lasciando tra l'altro – denuncia Coldiretti Puglia - pesci feriti nell'attività predatoria e con il rischio della diffusione di malattie e parassiti. Il numero di Cormorani svernanti è cresciuto di circa venti volte negli ultimi 25 anni – aggiunge Coldiretti Puglia - secondo un andamento parallelo e strettamente correlato alla crescita esponenziale delle popolazioni nidificanti nei paesi dell'Europa centrosettentrionale. E' ormai una vera e propria emergenza alla luce dei danni provocati all'attività dell'itticoltura e alla vita stessa dei pesci nei mari. L'attività predatoria dei cormorani – spiega Coldiretti Puglia - sottopone a forte stress la vita marina poiché è talmente intensa da non permettere la crescita, lo sviluppo e la riproduzione delle specie di cui si nutrono. Non si limitano alle specie di pesce pregiate – aggiunge Coldiretti Puglia - perché mangiano anche quelle specie-foraggio che dovrebbero fungere da pasto per le prime, rendendo ancor più negativo il loro impatto sul settore ittico. Per acquacoltori e pescatori di mestiere la riduzione del pescato risulta il fattore di maggior impatto mentre per i pescatori sportivi a rischio è la riduzione degli stock ittici dovuti ad una ridotta produzione naturale.

I danni causati dai cormorani vanno ad aggiungersi agli effetti del conflitto in Ucraina, con uno scenario nelle marinerie molto grave per il caro carburanti che sta fermando i pescherecci e le barche nelle banchine e il calo dei consumi per l'inflazione che ha fatto perdere potere di acquisto alle famiglie. In Puglia sono enormi i danni causati dalla fauna selvatica, con i cinghiali distruggono le coltivazioni e attaccano gli uomini e gli animali allevati come anche i lupi e i cani inselvatichiti, gli storni azzerano la produzione di olive e distruggono le piazzole, le lepri divorano letteralmente interi campi di ortaggi, i cormorani mangiano i pesci negli impianti di acquacoltura, con un danno pari ad oltre 16 milioni di euro. Gli agricoltori stanno provvedendo a recintare a proprie spese con costi considerevoli le aziende agricole per difendersi dai cinghiali che distruggono strutture e produzioni. Si tratta di una situazione insostenibile – conclude la Coldiretti Puglia - che sta provocando l'abbandono delle aree interne, con problemi sociali, economici e ambientali.
  • Cinghiali
  • Coldiretti Puglia
  • Meteo
  • Cormorani
Altri contenuti a tema
Nuove leve green in agricoltura Nuove leve green in agricoltura Coldiretti Puglia: "Oltre 13mila le imprese agricole condotte da under 35 nonostante la crisi"
Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Coldiretti Puglia: "Per la mancanza di una interpretazione univoca del complesso quadro normativo"
La rivoluzione digitale nelle campagne La rivoluzione digitale nelle campagne E' alla base del sistema blockchain per la tracciabilità dei prodotti e la garanzia dell'origine
Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 A copertura dei danni alle produzioni agricole causati da eventi avversi di natura catastrofale
Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Si moltiplicano i furti di barbatelle, ferro, acciaio, rame, cavi elettrici e telefonici
Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi L’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia
Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Le aziende agricole devono trasmettere per via telematica le dichiarazioni di calamità entro il 24 febbraio
Procedure semplificate per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato Procedure semplificate per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato La richiesta di Coldiretti Puglia per aiutare gli agricoltori nelle campagne
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.