Vigneto biologico
Vigneto biologico
Territorio

Puglia: E' la seconda regione più bio d’Italia

Con un aumento delle superfici del +6,4%

Cresce ancora il bio, con un aumento delle superfici del +6,4% in Puglia, la seconda regione più bio d'Italia, dove la pratica biologica interessa tutti i comparti agricoli dall'olivo ai cereali (23%), dalla vite agli ortaggi, con 3 impianti di acquacoltura biologica. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in occasione dell'incontro a Roma presso la sede di Coldiretti, la maggior associazione agricola italiana per la presentazione del Piano di Azione del biologico del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali,
Un successo trainato dalla fiducia dei consumatori con 1 italiano su 5 che – secondo Coldiretti/Ixè - consuma regolarmente prodotti bio ed è disposto a pagare anche di più per acquistare un prodotto certificato bio, mentre il 13% dei consumatori è certo che, nel prossimo futuro, aumenterà la spesa per portare in tavola prodotti biologici. La spinta verso il biologico è sostenuta soprattutto da motivi salutistici, ma molto importanti nella scelta di acquisto, il territorio di origine e le garanzie della certificazione.
Grazie alla ricerca il settore biologico può diventare un formidabile strumento di valorizzazione e un bacino di approvvigionamento – aggiunge Coldiretti Puglia - di prodotti di alta qualità e un valore aggiunto per gli enti pubblici sensibili alla corretta alimentazione di adulti e bambini. E' necessario al contempo che tutti i prodotti che entrano nei confini regionali, nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri a tutela della sicurezza dei consumatori, perché dietro gli alimenti, italiani e stranieri in vendita sugli scaffali ci deve essere la garanzia di un percorso di qualità che riguarda l'ambiente, la salute e il lavoro, con una giusta distribuzione del valore. Anche i nuovi bandi del PSR Puglia per sostenere e incentivare l'agricoltura biologica hanno aperto a melograno, mandorlo e noce, facendo rientrare le colture frutticole nei nuovi bandi dello sviluppo rurale, su forte richiesta di Coldiretti.
L'attenzione dei consumatori di cibo biologico ha portato alla realizzazione nei Mercati di Campagna Amica di spazi destinati alle produzioni agroalimentari biologiche, oltre alle Botteghe Italiane completamente bio e numerosi agriturismo di Campagna Amica che hanno impostato la ristorazione proprio sulle produzioni aziendali bio.
Altro punto centrale del progetto di Coldiretti sul biologico è l'attenzione alla sicurezza alimentare nei servizi di ristorazione collettiva, divenuto un preciso dovere degli enti locali (Comuni, Province e Regioni).
La continua richiesta di prodotti freschi e di stagione stimola l'imprenditore biologico a ricercare ulteriori forme di contatto commerciale con il consumatore. I timori dei consumatori, innescati dal Covid e soprattutto dagli scandali alimentari, si sono tradotti – aggiunge Coldiretti Puglia - in una seria preoccupazione per la sicurezza alimentare e in una domanda crescente di garanzie di qualità e maggiori informazioni sui metodi di produzione.
Per Coldiretti è chiara la necessità di costruire filiere biologiche interamente italiane e di riuscire a comunicare, anche nelle etichette del prodotto biologico, l'origine made in Italy della materia prima agricola, come peraltro previsto nella Legge 23 sull'agricoltura biologica, approvata quest'anno in Parlamento e della quale si è in attesa della piena applicazione.

Il biologico si inserisce a pieno titolo nel modello dell'agroalimentare made in Italy sostenuto da Coldiretti, già fortemente caratterizzato per l'attenzione alla qualità, alla salute dei consumatori e alla tutela dell'ambiente. Temi e obiettivi che, proprio nel biologico, trovano la loro piena definizione.

Le aziende biologiche – continua Coldiretti - rappresentano un pezzo importante del percorso di valorizzazione della nostra agricoltura e molte di queste sono presenti negli oltre mille mercati di Campagna amica diffusi in tutto il territorio nazionale, producono in biologico molte delle eccellenze DOP e IGP e rappresentano una vera e propria rete di sostenibilità per il territorio.

Bisogna ridare centralità all'agricoltura anche nella filiera del biologico, perché il biologico rappresenta uno straordinario strumento per lo sviluppo delle nostre campagne e, insieme a tutte le iniziative messe in campo da Coldiretti, consente di avvicinare sempre di più i consumatori al mondo agricolo.
  • Puglia
  • Biologico
Altri contenuti a tema
Maltempo:  Forti raffiche di vento Maltempo: Forti raffiche di vento Ritorno dell'inverno con l'arrivo di aria artica
In TV il film "Ti mangio il cuore" In TV il film "Ti mangio il cuore" Diretto da Pippo Mezzapesa è stato girato in Puglia
Puglia: Sostegni per ammodernare i frantoi oleari Puglia: Sostegni per ammodernare i frantoi oleari Una opportunità per offrire al mercato 5 oli DOP e l’IGP olio di Puglia
In Puglia  cresce la Bee Economy In Puglia cresce la Bee Economy Dagli integratori alimentari al 'nappage' per i dolci, dalla cosmesi naturale fino alla pellicola per gli alimenti
Verso Natale: Record per le vendite di spumante pugliese Verso Natale: Record per le vendite di spumante pugliese E’ quanto emerge da una proiezione della Coldiretti Puglia
Puglia, identità e storie di gola Puglia, identità e storie di gola Così la regione fa crescere enogastronomia e turismo
La Puglia fra le regioni più a rischio idrogeologico La Puglia fra le regioni più a rischio idrogeologico La dichiarazione congiunta del gruppo regionale FDI
Puglia, turismo da record Puglia, turismo da record L’assessore Lopane: “Partiamo da questi numeri per costruire la strategia fino al 2030”
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.