La Gazzetta del Mezzogiorno
La Gazzetta del Mezzogiorno
Vita di città

Pieno sostegno a "La Gazzetta del Mezzogiorno"

L'ex assessore Marro promotore di un’iniziativa

È nota la vicenda del quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno, le cui quote sono sottoposte a confisca nell'ambito di un'indagine antimafia della Procura di Catania. Una scossa per l'informazione pugliese che rischia di perdere un pilastro nel settore giornalistico regionale. È intervenuto a riguardo l'ex assessore del Comune di Canosa di Puglia Elia Marro, che si è fatto promotore di un'iniziativa:"Oltre alla confisca, L'amministrazione giudiziaria, a causa dei debiti pregressi, ha chiesto il taglio del costo del lavoro del 50%, che potrebbe portare all'estizione del giornale, che rappresenta un pezzo di storia del sud, un contenitore culturale che ha diffuso informazione per tanti decenni – ha dichiarato -. Nel frattempo gli amministratori giudiziari hanno chiesto tempo per elaborare una proposta, aggiornando al prossimo 22 gennaio l'incontro del tavolo tecnico con Regione e sindacati. Per questo occorre che anche la politica locale si mobiliti. Dunque ho provveduto a inviare ai consiglieri comunali Landolfi, Imbrici, Princigalli, Di Palma, Di Nunno Iacobone, Ventola, Matarrese, Petroni e Patruno, una proposta di ORDINE del GIORNO che spinge, in sede di Consiglio comunale, a un dibattito politico-amministrativo, affinché il Consiglio possa deliberare per il pieno sostegno al quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno. La Puglia e i suoi comuni si sono formati e informati per anni tramite il quotidiano e non possono assistere inermi alla sua scomparsa. Io da libero cittadino do il pieno sostegno a tutti i giornalisti che vi lavorano, e prego la politica locale affinché faccia qualcosa di concreto per tutti" – ha concluso.
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.