Sfogliatelle
Sfogliatelle
Eventi e cultura

Le sfogliatelle di Canosa approdano a Pavia.

”La Puglia in un piatto” all’UNITRE

Sono Sabina Decorato originaria di Canosa, nelle radici di Piazza Galluppi, trapiantata a Pavia. Il Natale più di ogni festa ci riporta alle radici paesane e alle tradizioni popolari. Quest'anno ho deciso di tenere un corso di cucina, tra le mie passioni, all'UNITRE, Università della Terza Età di Pavia, che ha accolto con entusiasmo il percorso conoscitivo. Sono 10 lezioni iniziate a novembre 2018 e terminano ad aprile 2019. Il titolo del corso è: "Profumi e sapori di Puglia - la Puglia in un piatto". Sono i sapori della terra nativa, descritti "ob saporem patriae" anche dal maestro Peppino Di Nunno sul suo libro "Sulle vie dei ciottoli del dialetto canosino". Il corso "La Puglia in un piatto" ha come finalità l'esportazione a Pavia, città di adozione, dei colori, delle tradizioni della mia bella Puglia. Un corso teorico pratico, più pratico che teorico, dove prenderò letteralmente per mano coloro che seguiranno il corso portandoli nella mia cucina ed insieme prepareremo le ricette di casa mia: orecchiette fatte a mano, strascinati, cavatelli in modo tradizionale, ma anche con alcune rivisitazioni. Poi le verdure ed i colori dell'orto con qualche nozione basilare. Ma ci sarà molto altro, con i nostri dolci della tradizione perché la cucina è arte, creatività, pazienza, cultura, tanta passione, condivisione e piacere di vita. Dedico a mia madre e alla gente di Canosa un mio ricordo in dialetto sulle sfogliatelle che profumavano la strada dai forni di quartiere tre le mani delle mamme e dei fornai, ringraziando il portale di canosaweb, che volontariamente informa e divulga in rete la nostra storia, la nostra cultura, facendo giungere lontano la voce di Canosa.

La sfegghiète de Canàuse
L'ùlteme de l'anne, mùje arròve Natèle!
A Natèle jà troppe bòne la sfegghiète de Canàuse.
Ce preféume, ce addàure de marànge, de lemòne e de cannèlle jìnde a tutte le càsere.
Quànne jémme criatéure jìnd a chire jùrne, sàupe a la tàvele de chèse màje stève u tavelìre e màmma Pinella cu taccatòne bianche 'n ghèpe e u laghenatéure 'n mène facève la sfoglie fòna fòna e a forze de sciòje 'nnànze e rète adduvèndeve rossa rosse e sudète: jève bélle assè Pinella la mamma màje.
Pòje la sfoglie se tàgghieve a strisce larghe e sàupe se cunzève che tanda càuse: marmèllete de chetùgne, lemone, jéua passe, aménnele ca néu criatéure aiutémme jùrne pròme a scazzè, nu pìcche de zùcchere e ciucchelète.
A la fòne la sfoglie s'arravugghiève cume a na ròse.
Pòje se mettevene jìnde a la ramìre e se mannève o furne.
Ma se facèven péure lì marzapène, le 'ngarteddète.
A la vescìgghje de Santa Luciòje e de l'Ammaculète nonna Peppina facève u calzàune e la fecàzze.
La fanòve 'n mézze a la strète e néu criatéure atturne a la fanòve tutte prìsce decémme: " la fanòve a Santa Luciòje, ueh, ueh, ueh! a Natèle trìdece dòje".
Pòje tutte 'nzìme a mangé.
M'arrecòrde e pénze... quanda càuse àme pérse.
Canàuse jòsce nan jà chiéu la stésse Canàuse.


Sabina Decorato da Pavia

    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.