Restauro simulacro Desolata
Restauro simulacro Desolata
Religioni

La Desolata: bellezza spirituale ritrovata

Il lungo percorso devozionale

La Processione della Desolata è uno dei riti religiosi più importanti e significativi della Settimana Santa a Canosa di Puglia(BT). Preservata e tramandata nel tempo, la Processione della Desolata appartiene alle tradizioni più commoventi, sentite, partecipate e condivise dalla comunità locale, regionale e ormai si può tranquillamente affermare, in tutto il Sud Italia, come riportano recenti articoli stampa. La Processione della Desolata è espressione di fede e devozione religiosa con una caratteristica principale: la celebrazione di un sentimento impareggiabile che intercorre fra una madre ed il proprio figlio. Il simulacro della Vergine Desolata ha una storia molto rilevante e allo stesso tempo interessante. Infatti, le fonti storiche e popolari giunte fino ai giorni nostri sostengono che il "corteo funebre" del Sabato Santo in passato veniva organizzato e animato dalla Confraternita della Madonna del Rosario ma in seguito al bombardamento del 6 novembre 1943, che distrusse le Chiese di S. Francesco e S. Biagio, la statua della Desolata andò persa. Dieci anni dopo, nel 1953, venne rifatta da alcuni artisti leccesi a cura di un benefattore Giuseppe D'Elia. Il simulacro è ispirato alla tela settecentesca del pittore Giuseppe De Musso di Giovinazzo che raffigura l'Addolorata tra San Filippo Neri e San Sabino, patrono di Canosa di Puglia. La statua è caratterizzata dalla Madonna con addosso l'abito scuro e tra le mani un fazzoletto bianco, una croce e una corona di spine. È seduta vicino alla Croce, quella stessa che le ha portato via il figlio, rinchiuso in un sepolcro; accanto a Lei un Angelo consolatore vestito di bianco che accompagna il suo cammino.

A questa storica processione del Sabato Santo canosino partecipano anche molti bambini vestiti da Angioletti, ognuno dei quali ha tra le mani un simbolo della Passione di Cristo come la corona di spine, le fruste, i dadi, la tenaglia, i chiodi. L'elemento più suggestivo che contraddistingue da sempre questa Processione è rappresentato dal coro composto quest'anno 440 donne vestite di nero, che sono state dirette ininterrottamente da oltre 50 anni dal Maestro Mimmo Masotina, ora dal figlio Ezio, che cantano l'Inno della Desolata, esprimendo all'unisono il loro dolore e il loro cordoglio accompagnate dalle musiche della Banda di Canosa. Impenetrabili allo sguardo di chiunque, si tengono strette l'una all'altra lungo il tragitto della processione, dando il massimo nel canto straziante e lacerante. "Non conta la loro identità ma la loro partecipazione intensa", tutte accomunate dal dolore universale al quale ogni madre terrena si unisce a quello di Maria. Dolore e desolazione prendono il sopravvento ma quell'Angelo consolatore sta a simboleggiare la imminente Resurrezione di Cristo. Il "miracolo per eccellenza" avverrà a breve e la gioia prenderà il posto della rabbia e della sofferenza.

La Processione della Desolata attraverso la preghiera, la devozione e la fede unisce più generazioni di canosini e non, in un rito davvero unico, reso molto suggestivo dall'inno tra i più ascoltati durante la Settimana Santa pugliese. La bellezza spirituale ritrovata passa anche attraverso il restauro del simulacro che è stato eseguito a causa dello stato precario di conservazione e del tarlo che danneggiava lo stesso sia all'interno che all'esterno. Il restauro è avvenuto a opera dello studio d'arte e di restauro "Jaccarino e Zingaro" di Andria con l'approvazione della Sovraintendenza delle Belle Arti di Foggia e della provincia Bat che grazie alle tecniche più aggiornate e alla sua sensibilità e professionalità ha riportato il simulacro della Madonna all'originaria immagine di bellezza. Il restauro ha riportato alla luce il volto giovane, semplice ma anche desolato della Vergine Maria consapevole del fatto che qualcosa dovrà accadere.Il programma di Sabato Santo, 31 aprile 2018, è stato reso noto e riporta l'itinerario cittadino della Processione della Desolata che avrà inizio alle ore 09.00 dalla Chiesa di SS. Francesco e Biagio : Corso Gramsci, Via Diomede, Via E. Fieramosca, Piazza E. Fieramosca, Via A. Milano, Via Boccaccio, Via Libertà, Via Orazio, Via Sabina, Via Diomede, Via Trieste e Trento, Via Mazzini, Via Oberdan,Via Puglia Piazza Vittorio Veneto, Via Imbriani, Piazza Terme, Via Massimiliano, Via S. Lucia, Via Mentana, Via Corsica, Via Kennedy, Piazza Vittorio Veneto, Corso S. Sabino, Piazza della Repubblica, e rientro nella Chiesa . La Processione della Desolata che conclude i Riti della Settimana Santa canosina è un patrimonio non solo religioso ma anche culturale e sociale dell'intera comunità.
Sabino Del Latte
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.