Francesco Ventola comizio luglio 2018
Francesco Ventola comizio luglio 2018
Politica

La Canosa “pentastellata” non ha costruito

Oltre due ore e mezzo di comizio di Francesco Ventola

Nella serata di giovedì scorso, Francesco Ventola nella duplice veste di consigliere regionale e comunale ha tenuto un pubblico comizio a Canosa di Puglia, in Piazza Vittorio Veneto. Occasione propizia per incontrare i cittadini e parlare delle attività governative della Regione Puglia e di Canosa, ad un anno di governo dell'amministrazione pentastellata. """Si può fare un 'comizio' e parlare per oltre due ore e mezza e senza offendere nessuno, – ha esordito così il consigliere Ventola- come invece hanno fatto e continuano a fare rappresentanti dei cinque stelle nonostante rivestano ruoli istituzionali – rimanendo solo sui fatti? Certo che si se i sentimenti che provi sono tra lo sconforto e la delusione ma la tenacia è più forte, se la forza di reagire difronte alla desolazione continua a spingerti a non mollare.""" Poi affronta il primo tema : """Lavori sulle S.P n. 2, ex S.S. 98 Canosa-Andria, reperimento somme per la progettazione della S.P. 93 Canosa-Loconia, Consorzi di Bonifica e dichiarazione calamità per tutto il territorio di Canosa a causa dei danni subiti nello scorso febbraio dalla neve ghiacciatasi soprattutto sugli ulivi. Sono solo alcuni dei temi trattati nell'incontro con i concittadini per parlare ad un anno dell'Amministrazione Morra, partendo dal mio ruolo in Regione da Consigliere di opposizione, è bene ricordarlo""".

Ma si è parlato anche di Ospedale: "questione sulla quale finalmente la contrapposizione è meno netta e mi aspetto che si spinga su un crono-programma che consenta a tutti di monitorare gli impegni della Direzione Generale della ASL"; del Museo:"la speranza è che non si continui a fare come i gamberi, all'unanimità si scelse l'ubicazione a Piano San Giovanni, il Polo Museale regionale ha 10 e milioni di euro disponibili su cui deve fare una scelta. La nostra incostanza e mancanza di decisione è l'atteggiamento peggiore che si possa assumere; si decida e si proponga subito l'idea migliore: il compito spetta a chi oggi amministra la Città. Il momento continua a non essere dei migliori e la Canosa "pentastellata" non ha costruito e non ipotizza alcuna prospettiva; ad un anno dall'insediamento dell'Amministrazione a cinque stelle, si continua a fallire anche nelle piccole cose. Così anche la speranza muore. A nulla sono valsi i miei inviti a collaborare e la mia continua disponibilità per condividere cose da fare nel bene supremo dei canosini e del territorio.I problemi sono sia di metodo che di merito".

Poi l'ex primo cittadino fa la disamina : "Il sindaco Morra e la sua amministrazione non possono pensare di governare come se avessero a che fare solo con i loro attivisti più intimi, quanto al metodo, o far gravare i loro limiti e pregiudizi per il resto. Il metodo doveva essere fatto di 'cambiamento' nelle nomine assessorili, per l'ufficio di staff e dei nuovi dirigenti – ovviamente non c'entrano le persone ma le prese in giro su favoritismi e appartenenze – su poltrone e acquisizione del potere: mero esempio le Commissioni consiliari, presidenti tutti 5 stelle; trasparenza e partecipazione e tanto altro. Gli slogan si sono infranti su parentopoli e interessi di bottega. Su quanto è successo su illeggittime nomine di assessori di famiglia o di discutibili nomine di parenti è oramai superfluo parlarne, da quell'orecchio non si sente. Stessa cosa per collaborazioni, consulenze ed incarichi fatti in favore di soggetti esterni al nostro territorio e peraltro con risultati pessimi: si spendono soldi per partecipare a qualche bando e si finisce ultimi o li vicino. Parlo dei bandi regionali per i quali abbiamo perso tante opportunità. Cito ad esempio la Riqualificazione zona capannoni: 50° POSTO, Aree verdi richiesti Eur 270 mila disponibili 200 mila tutta Regione: INAMMISSIBILE, Sviluppo aree forestali (mis. 8.5) Investimenti per la valorizzazione dei boschi dal punto di vista didattico, ricreativo e turistico: si adotta la delibera di giunta ma il progetto non è mai stato presentato, Laboratori urbani in rete richiesti Eur 150 mila: INAMMISSIBILE".

Il consigliere Ventola prosegue : "Anche le sbandierate battaglie per Contrada Tufarelle sono state fallimento e brutte figure: si perdono ricorsi e si subisce la dichiarazione di non legittimazione nel ricorso straordinario al Presidente del Consiglio: il ricorso è inammissibile. E sempre su Contrada Tufarelle anche il finanziamento per la bonifica c.da Tufarelle è risultato inammissibile mentre quello relativo al monitoraggio/piano caratterizzazione risulta ammesso grazie allo scorrimento della graduatoria che ci vede al 27° posto su 28 totali. Non ne parliamo degli atti ed attività di programmazione: Linee programmatiche copia/incolla con quelle di Livorno, Piano di diritto allo studio 2018 copia/incolla del 2017, gestione parcheggi a pagamento che sembrava fossero da rivoluzionare: nulla di nulla. Quanto ai rapporti con l'esterno (Sindaci, Provincia, Regione, Governo, Unione Europea, Rapporti con università ed altre Istituzioni) non è commentabile la confusione tra ambiti di partito e ruoli istituzionali, tra funzioni svolte e convenzione sottoscritte con università che offendono preesistenti relazioni e collaborazioni autorevoli senza far intravedere una significativa convenienza per l'interesse pubblico; si predispongono Protocolli d'intesa e non si include, per la materia, la Fondazione Archeologica Canosina. Costruzione scuola media zona 167, gestione Teatro Comunale 'R. Lembo', manifestazioni culturali in città e cartellone per l'estate canosina, tanti i temi per molta parte noti sui quali continuo ad indicare consigli ed opportunità senza che mai si accolga la collaborazione per mettere a frutto quel pizzico di esperienze e conoscenze che altri territori apprezzano ed utilizzano. Centro storico della zona Castello, Palazzo ex-Carmelitani e consegna nuove abitazioni di edilizia popolare sono figli di finanziamenti del passato ai quali bisognerebbe aggiungere impegni di carattere sociale di cui quella Comunità ma anche tutta Canosa ha bisogno: la visione quale è? Tribunale e nuova sede della Polizia Locale, sono scelte della precedente Amministrazione è stato detto: manca pure il coraggio delle proprie scelte rispetto al Corpo dei Vigili Urbani fondamentale che andrebbe supportato, anzicchè contrastato, visti i diversi provvedimenti assunti dal possesso delle armi, all'uso degli strumenti di lavoro, alla organizzazione. Polivalente sportivo Costantinopoli, Villetta comunale Costantinopoli, Tensostruttura sportiva di viale 1° maggio, manutenzione nuovo stadio, Canile sanitario, Centro anziani villa comunale: chiusure e scelte sbagliate che svuotano la città di servizi e demoliscono ciò che si contrappone al comandante in campo. Il Regolamento sui dehors, è stata l'ennesima dimostrazione dello sperpero di denaro in consulenze e della mancanza di coraggio nel sostenere gli interessi degli operatori locali che sfidano la sorte e della domanda dei nostri giovani che meritano attenzione e sensibilità. La città è sporca: ratti, scarafaggi, insetti. Nonostante ci potesse essere spazio, viste le entrate per sanzioni/penali per Eur 352.000,00 ca, né si affronta la questione rimborso, né si valuta un alternativo utilizzo, nel caso contrario, per migliorare il servizio in essere. I lavori di urbanizzazione della zona artigianale D6 Madonna Costantinopoli tra i tanti argomenti trattati per i quali l'amministrazione è assente, in ritardo o fuoristrada. Un anno, se non altro grazie al lavoro impeccabile degli uffici, quando facilitato, non lascia solo tantissimi problemi e mancanza di prospettiva: il Comune ha perso il Centro di raccolta e lavorazione del vetro a Loconia, e meno male direi, vista l'ubicazione proposta (inammissibile) ma Loconia avrà l'isola ecologica per la differenziata. Il Bilancio dello scorso anno è stato chiuso con un avanzo come del resto avviene da anni. Ma questo non è un segno di buona amministrazione se non si finalizza l'utile di gestione, la parte impiegabile senza vincolo di destinazione, considerati i tanti problemi che abbiamo o il semplice e doverso rimborso della TARI.Basterebbe riflettere su come siamo messi in termini di lavori in corso, di urbanistica, di agricoltura: lo scenario è sconsolante".

Il consigliere Ventola ha concluso : """Nel continuare a rimarcare la mia massima disponibilità a collaborare, proprio e nonostante tutto, il mio appello finale è alla Città, ai Canosini, ai nostri figli: bisogna darsi una mossa, troppo abbandono, troppa rassegnazione. Dopo una rassegna argomentata di oltre due ore e mezza, il mio spirito è rimasto immutato, pronto a lottare per quanto di buono si può fare, sempre e comunque""".
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.