scuola
scuola
Scuola e Lavoro

Iscrizione scuola dell'obbligo: oblazione volontari e non tassa

L'assessore regionale all'istruzione Alba Sasso ricorda la Costituzione. Circolare n. 312 del 20 marzo 2012

Dai 70 ai 50 euro di contributo per iscrivere i propri ragazzi a scuola: in città è una pratica diffusa come nel resto del paese. Ma è assolutamente necessario ricordare che si tratta di un'«oblazione volontaria» e non una tassa sopratutto per la scuola dell'obbligo. Superato il biennio degli istituti superiori, e quindi la scuola dell'obbligo, vi è una tassa statale di poco superiore ai 20 euro che eventualmente si somma al contributo volontario che ogni Consiglio d'Istituto sceglie di applicare alle famiglie. Negli ultimi giorni la vicenda ha sollevato non poche polemiche sopratutto da parte delle associazioni degli studenti spesso sin troppo vessati dai continui tagli alla scuola pubblica ed ai servizi. Ogni istituto, poi, ha dovuto cercare altre forme di finanziamento per una serie di spese difficili da sostenere.

Ma in alcuni casi si è esagerato facendo passare il contributo quale vera e propria tassa come ci spiegano diversi studenti delle scuole superiori andriesi: «E' un momento complicato e pur capendo le difficoltà economiche della scuola ci aspetteremmo che vi fosse estrema chiarezza su questo punto». Le segnalazioni giunte in redazione questi giorni, infatti, parlano di poca chiarezza all'atto dell'iscrizione anche se a Bari si è addirittura arrivati, in tre istituti, a delle lettere nelle quali è specificato che il contributo è obbligatorio.

Il Ministero dell'Istruzione, quasi un anno fa, ha ribadito il concetto, con la circolare n. 312 del 20 marzo 2012, che il contributo è assolutamente volontario e senza nessun vincolo di obbligatorietà. Sull'argomento abbiamo ascoltato anche le parole dell'assessore regionale al Diritto allo Studio ed alla Formazione, prof.ssa Alba Sasso: «in questi giorni sta creando non poche preoccupazioni nelle famiglie pugliesi la vicenda di questo contributo. Pur consapevole della drammatica situazione finanziaria in cui si trovano le scuole per effetto dei gravi e indiscriminati tagli subiti in questi anni, ricordo - ha concluso Alba Sasso - che il principio della obbligatorietà e gratuità dell'istruzione è sancito dalla nostra Costituzione».
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.