Operatori ecologici
Operatori ecologici
Vita di città

I lavoratori della Sangalli proclamano lo sciopero

Interviene il sindaco Morra

"Siamo i lavoratori "Sangalli" ex Ecolife e siamo canosini anche noi. Viviamo nella nostra amata Canosa, siamo padri, figli,fratelli, nonni. Dal 2012 cioè dall'inizio del nuovo servizio di raccolta differenziata per noi e per le nostre famiglie non c'è più pace." Questo è l'amaro sfogo degli operatori ecologici al termine dell'incontro avvenuto per scongiurare lo sciopero, secondo quanto riportato nella missiva inviata agli organi competenti, per evidenziare le inadempienze della società appaltatrice del servizio di Igiene Urbana del Comune di Canosa di Puglia(BT). "Anche noi, prima di tutto abbiamo a cuore la nostra città e siamo coscienti che per quanto possiamo impegnarci, la città è sporca. – Riferiscono i dipendenti della Sangalli – Lavoriamo in condizioni precarie. Ci vedete sfrecciare per il paese oppure bloccare il traffico con 40 gradi o sotto la pioggia battente come in questi giorni. Con lo sciopero del 7 dicembre siamo a rivendicare i nostri diritti di lavoratori ahimè persi. I cittadini di Canosa (anche noi) pagano profumatamente un servizio non congruo a quello che meritano. Chiediamo scusa, sin da ora, per i disagi che si creeranno ma nello stesso tempo – concludono i dipendenti della Sangalli – invitiamo tutti i cittadini e le Istituzioni a prendere a cuore la nostra situazione affinché Canosa diventi una città pulita e vivibile che noi tutti vogliamo."

La vicenda delle contestazioni dei lavoratori dell'Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l., appaltatrice del servizio di Igiene Urbana del Comune di Canosa di Puglia(BT), che hanno dato adito ad una vertenza culminata con la decisione di promuovere una giornata di sciopero per giovedì 7 dicembre 2017, è seguita con particolare attenzione dal sindaco, Roberto Morra, che ha chiesto un incontro urgente con l'impresa e con i lavoratori. Pertanto il sindaco incontrerà i lavoratori il 5 dicembre ed il giorno seguente, mercoledì 6 dicembre, l'impresa appaltatrice ed i responsabili dell'ARO. "Seguo con attenzione l'evolversi della vicenda – ha comunicato il sindaco Morra - che, nel caso venga confermata la giornata di sciopero, avrà ripercussioni sulla raccolta dei rifiuti nell'abitato di Canosa. Per questo oltre a convocare le parti in causa per avere delucidazioni sul merito della questione, ho invitato la Direzione dell'ARO ad attivarsi affinché il 7 dicembre, giornata prevista per lo sciopero, sia garantito lo svolgimento dei servizi minimi necessari così come previsto per legge. Confido che la vertenza possa comporsi nell'interesse di tutte le parti in causa affinché siano evitati disservizi ai cittadini."
    © 2005-2017 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.