Roberto Morra Sindaco
Roberto Morra Sindaco
Amministrazioni ed Enti

I fondi stanziati dal Ministero degli Interni per i rifugiati

Il sindaco Morra risponde alla consigliera Petroni

Il sindaco di Canosa, Roberto Morra, interviene sulla questione sollevata dalla consigliera Petroni in merito alla destinazione dei fondi stanziati dal Ministero degli Interni per i rifugiati. "La consigliera comunale Maria Angela Petroni ci chiede conto di come siano stati utilizzati i 95.000 euro che il Ministero dell'Interno ha stanziato in favore del Comune di Canosa per l'annualità 2018 quale bonus per i rifugiati. Occorre sottolineare – precisa il sindaco - che la richiesta della consigliera è stata protocollata il 7 marzo e l'8 marzo le è stata comunicata la disponibilità della documentazione in merito, poi ritirata ieri lunedì 11 marzo. Inoltre della questione se ne è già occupato il Consiglio Comunale, nella seduta dello scorso 30 novembre, quando si ratificava la variazione di bilancio 2018 – 2020 approvata con deliberazione di Giunta Comunale. Già in quella sede i consiglieri comunali furono resi partecipi delle scelte adottate in merito dall'Amministrazione. In ogni caso alla consigliera Petroni è stato celermente comunicato che la somma in questione non ha una destinazione vincolata ed è stata utilizzata per la spesa sociale nel cofinanziamento dovuto dal nostro Comune al Piano Sociale di Zona che eroga servizi destinati alle categorie svantaggiate. Come noto il nostro Comune quale capofila e più popoloso tra quelli costituenti l'Ambito ha il numero di utenti più alto tra quelli che usufruiscono di prestazioni a carattere sociale. Di certo la consigliera Petroni prima stigmatizza la presenza di migranti nel nostro territorio con interrogazioni ed ordini del giorno, poi chiede conto delle somme pervenute al Comune in virtù della presenza degli stessi migranti. Peccato – sottolinea il sindaco Morra - che tanta solerzia la consigliera Petroni non l'abbia dimostrata nella scorsa consiliatura, in merito all'accertamento, liquidazione e riscossione dei tributi minori nonché al servizio di riscossione coattiva di tutte le entrate tributarie affidate ad Aipa e Mazal, poi finite in amministrazione straordinaria, ed infine ad Adriatica. Da verifiche effettuate da questa amministrazione i concessionari che si sono succeduti in questi anni non avrebbero adempiuto alle attività di riscossione coattiva previste dai contratti in essere con il Comune di Canosa e dalla normativa vigente causando un probabile danno erariale per un importo stimato in un milione settecentomila euro circa. Per tali motivi – conclude il sindaco di Canosa - abbiamo ritenuto presentare un esposto alla Corte dei Conti, sezione della Puglia, affinché venga aperto un procedimento istruttorio su quanto da noi denunciato."
Sabino D'Aulisa
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Sindaco Morra
Altri contenuti a tema
Sulle vie della Settimana Santa Sulle vie della Settimana Santa Canosa di Puglia approda a Valladolid in Spagna
S.S. 93: parte la progettazione S.S. 93: parte la progettazione Si sottoscriverà il protocollo di intesa con Anas
Le parole del cibo, le suggestioni dell'arte Le parole del cibo, le suggestioni dell'arte Convegno al Centro Servizi Culturali “Libraia Teresa Pastore”
Va in scena “Tutto a Posto” Va in scena “Tutto a Posto” La Compagnia Teatrale Codex 8&9 inaugura il Premio Teatrale “Raffaele Lembo” 
Al via il Premio Teatrale “Raffaele Lembo” Al via il Premio Teatrale “Raffaele Lembo” Reso noto il cartellone della terza edizione
Finalmente l'Ufficio Igiene  in un luogo più consono Finalmente l'Ufficio Igiene in un luogo più consono Le dichiarazioni del sindaco Morra sul trasferimento nei locali dell'ospedale
Viaggio nel mondo dell’informazione tra regole, tecniche, rischi e fake news Viaggio nel mondo dell’informazione tra regole, tecniche, rischi e fake news Paolo Pinnelli inaugura il V "Caffè Letterario"
Breve trattato sul lecchino Breve trattato sul lecchino Il professor  Antimo Cesaro presenta il suo ultimo libro
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.