Incidente a Loconia
Incidente a Loconia
Vita di città

FATE PRESTO!

L'Associazione “Amici di Giuseppe e Michele” scrive agli amministratori pubblici

"""FATE PRESTO! E' questo l'invito, il monito che vi rivolgiamo. FATE PRESTO, a sottoscrivere la Convenzione per il Progetto di ampliamento e messa in sicurezza della S.S.93 nel tratto che va da Canosa a Loconia. I tempi per la definizione degli accordi e avviare il progetto, sono ormai maturi da tanto, troppo tempo. Sono passati 3 anni dal dicembre 2015, quando la Regione Puglia con relativa Determina concedeva l'importo di € 500.000,00 per l'elaborazione del progetto. E' difficile spiegare alle persone, ai nostri figli superstiti, perché sono passati 3 anni, 36 mesi, 1.100 giorni e non è stato formalizzato neanche il primo atto. FATE PRESTO! E' la richiesta che si alza unanime al mondo politico e istituzionale, per non restare ancora immobili e bloccati da quella burocrazia che tutti avete dichiarato di voler combattere. Perché nessuno dovrà essere considerato vittima dell'ennesimo tragico incidente su quella strada. Perché troppe persone anche questo Natale non saranno con i loro figli, con Michele, Giuseppe, Antonio, che si sono addormentati e abitano ora nella Casa del Padre. Vittime incolpevoli. Vittime non a seguito del loro comportamento, ma per colpa di una strada senza manutenzione, stretta, insicura. Per loro e per gli altri che li hanno preceduti, per tutti quelli che sono rimasti, verso i quali abbiamo l'obbligo di assicurare la vita, la sicurezza, quando dovranno percorrere quella strada. Per tutti, vi chiediamo FATE PRESTO!""" E' il testo della lettera scritta dall'Associazione "Amici di Giuseppe e Michele" di Canosa di Puglia(BT) ed inviata al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, al Responsabile ANAS Matteo Castiglioni e al Sindaco di Canosa Roberto Morra, in attesa di ulteriori sviluppi e di risposte progettuali.
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.