2020 Foggia Coldiretti
2020 Foggia Coldiretti
Cronaca

Contro ogni violenza mafiosa

A Foggia, gli agricoltori rispondono al richiamo di Don Ciotti

Dall'agricoltura all'allevamento, dalla distribuzione alimentare alla ristorazione, il volume d'affari complessivo annuale dell'agromafia è salito a 24,5 miliardi di euro, con l'indice di permeabilità delle agromafie che raggiunge quota 100 a Foggia. E' quanto dichiara Coldiretti Puglia, in occasione della manifestazione promossa da 'Libera' a Foggia, rispondendo con la partecipazione degli agricoltori al richiamo di Don Ciotti 'contro ogni violenza mafiosa'. "Mettendo le mani sull'agroalimentare in territori dove l'agricoltura è il settore economico centrale, la malavita si infiltra in modo capillare nella società civile, condizionando la vita quotidiana della persone e affermando il proprio controllo sul territorio. Foggia è una provincia a forte vocazione agricola ed è per questo che il business delle agromafie è divenuto particolarmente appetibile", dichiara Giuseppe De Filippo, presidente di Coldiretti Foggia, che sta partecipando alla mobilitazione.

La criminalità organizzata in agricoltura - sottolinea la Coldiretti - opera attraverso furti di attrezzature e mezzi agricoli, racket, abigeato, estorsioni, o con il cosiddetto pizzo anche sotto forma di imposizione di manodopera o di servizi di trasporto o di guardiania alle aziende agricole, danneggiamento delle colture, aggressioni, usura, macellazioni clandestine, truffe nei confronti dell'Unione europea e caporalato. Le mafie – denuncia la Coldiretticondizionano anche il mercato della compravendita di terreni e della commercializzazione degli alimenti stabilendo i prezzi dei raccolti, gestendo i trasporti e lo smistamento, il controllo di intere catene di supermercati, l'esportazione del vero o falso Made in Italy, la creazione all'estero di centrali di produzione dell'Italian sounding e lo sviluppo ex novo di reti di smercio al minuto. In questo modo la malavita si appropria – sottolinea la Coldiretti – di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma anche compromettendo in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani e il valore del marchio Made in Italy. I risultati dell'attività di contrasto confermano la necessità di tenere alta la guardia e di stringere le maglie ancora larghe della legislazione con la riforma dei reati in materia agroalimentare che vanno perseguiti con un sistema punitivo più adeguato con l'approvazione delle proposte di riforma dei reati alimentari presentate dall'apposita commissione presieduta da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell'Osservatorio Agromafie promosso dalla Coldiretti.
  • Foggia
  • Coldiretti Puglia
  • Libera
Altri contenuti a tema
Ponte 2 giugno: calo presenze dell’80% in agriturismo Ponte 2 giugno: calo presenze dell’80% in agriturismo E’ quanto stima la Coldiretti Puglia
Le grandinate danno il  colpo di grazia alle  ciliegie Le grandinate danno il colpo di grazia alle ciliegie Coldiretti Puglia torna a chiedere l'immediata attivazione dello stato di calamità naturale
Maltempo: violenti acquazzoni nell'agro di Canosa Maltempo: violenti acquazzoni nell'agro di Canosa Sono intervenute le Forze dell'Ordine per i soccorsi
Valorizzazione della filiera del pomodoro Valorizzazione della filiera del pomodoro Accordo Coldiretti e Princes per sostenere il “Made in Italy”
Al via consorzio valorizzazione “Olio di Puglia” IGP Al via consorzio valorizzazione “Olio di Puglia” IGP Il brand garantirà alta qualità
Agromafie: cresce il volume d’affari Agromafie: cresce il volume d’affari La denuncia di Coldiretti Puglia alla Conferenza Regionale delle Autorità di Pubblica Sicurezza
Consorzio bonifica: secco no al passaggio dell'acqua ad AQP Consorzio bonifica: secco no al passaggio dell'acqua ad AQP Le dichiarazioni del Presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia
Fase 2: crollo del raccolto di frutta estiva Fase 2: crollo del raccolto di frutta estiva Analisi della Coldiretti sulla base delle previsioni di Europech
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.