Capodanno Brindisi  Spumante
Capodanno Brindisi Spumante
Territorio

Capodanno: si è brindato con lo spumante

Il prodotto immancabile per oltre otto italiani su dieci

Con lo stop a veglioni, concerti in piazza e discoteche, la festa si è spostata a tavola dove per il cenone di fine anno i pugliesi hanno speso un importo di 300 milioni di euro per i cibi e le bevande, con un aumento del 52% rispetto allo scorso anno segnato da uno stretto lockdown. E' quanto emerge dall'elaborazione di Coldiretti Puglia, sulla base dell'indagine Coldiretti/Ixe' sul bilancio del Capodanno 2021 segnato dalla rapida risalita dei contagi e dal diffondersi della variante Omicron che ha spinto più di 8 cittadini su 10 (83%) a festeggiare nelle case per prudenza o necessità. A tavola si registra una presenza media di 6,3 persone quasi il doppio rispetto allo scorso anno (3,7 persone) condizionato dal limite di massimo due ospiti non conviventi, ma sono molto lontane le tavolate da quasi 9 persone del periodo pre pandemia.

Solo il 14% dei cittadini ha deciso – rileva la Coldiretti Puglia – di festeggiare fuori al ristorante, in trattorie e agriturismi che soffrono anche per le disdette last minute negli alloggi e nella ristorazione con percentuali che secondo Terranostra Puglia hanno superato anche il 60%, costringendo molte strutture a chiudere. Non è stato sufficiente il boom delle consegna a domicilio, favorita secondo Campagna Amica dall'impennata del numero di italiani in isolamento o in quarantena, senza dimenticare quanti organizzano pranzi e cene nelle case perché non dispongono di green pass rafforzato necessario per mangiare fuori. Per consolarsi nelle case gli italiani si sono buttati dunque sul cibo, con lo spumante che si è confermato come il prodotto immancabile oltre otto italiani su dieci (84%) che fanno saltare ben 85 milioni di tappi durante le feste di fine anno, sorprendentemente seguito a ruota dalle lenticchie presenti nell'80% dei menu forse perché sono chiamate a portar fortuna.

Sulle tavole per le feste è stata forte anche la presenza del pesce nazionale a partire da alici, vongole, sogliole, triglie e seppie ma anche la frutta è stata protagonista del cenone con il 93% dei pugliesi che ha puntato su quella a Km0, a partire dall'uva "portafortuna", presente in sei tavole su dieci (64%). Addio invece alle mode esterofile del passato come il consumo di frutta fuori stagione importata dall'estero anche fa registrare un crollo del 20% rispetto alle feste di fine anno di cinque anni fa. Non è un caso che il 95% dei commensali nelle case e fuori quest'anno preferisce prodotti nazionali per la qualità ma anche per sostenere l'economia ed il lavoro per aiutare il Paese a superare le difficoltà generate dalla pandemia.

La maggioranza delle tavole sono state imbandite con menu a base di prodotti o ingredienti Made in Italy con una spesa stimata – conclude la Coldiretti Puglia – in 120 milioni di euro per pesce e le carni compresi i salumi, 70 milioni di euro per spumante, vino ed altre bevande, 32 milioni di euro per dolci, 40 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca, 21 per pasta e pane e 17 milioni di euro per formaggi e uova.

LA SPESA PER CAPODANNO IN MILIONI DI EURO
Pesce, carne, ragù e salumi, ecc.120
Spumante, vino e altre bevande70
Dolci, panettone, pandoro32
Frutta, ortaggi e conserve40
Pasta e pane21
Formaggi e uova17
TOTALE300

Fonte: stime Coldiretti Puglia
  • Coldiretti Puglia
  • Spumante
Altri contenuti a tema
Puglia in zona gialla:pesanti perdite per agriturismi Puglia in zona gialla:pesanti perdite per agriturismi Analisi di Coldiretti Puglia, in riferimento agli effetti del cambio di colore
Agricoltura: In forte aumento i costi energetici Agricoltura: In forte aumento i costi energetici Aziende costrette a spegnere le serre di fiori ed ortaggi
Si celebra il World Pizza Day Si celebra il World Pizza Day Il simbolo della cucina italiana più conosciuta nel mondo
Cresce la spesa alimentare delle famiglie Cresce la spesa alimentare delle famiglie I consumatori preferiscono gli acquisti nei mercati contadini
Clima: sbocciate le mimose in Puglia Clima: sbocciate le mimose in Puglia Coldiretti Puglia lancia l’allarme sul rischio gelate
La peste suina fa  paura La peste suina fa paura Tempestività e rigore per limitare i danni
Puglia: svolta naturalistica, boom erbe selvatiche e piante officinali Puglia: svolta naturalistica, boom erbe selvatiche e piante officinali Le potenzialità del settore sono notevoli
Maltempo: Neve, nubifragi e forti venti di burrasca Maltempo: Neve, nubifragi e forti venti di burrasca Coldiretti Puglia: "Allarme per verdure, ortaggi e serre"
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.