John Pedeferri
John Pedeferri
Archeologia

Canosa: John Pedeferri tra le bellezze archeologiche

Ha realizzato il servizio-video “Mille tombe di Canosa, milioni di pezzi trafugati all'estero” per SkyTg24 

Dal 27 agosto 2021 è in rete il servizio-video dal titolo "Mille tombe di Canosa, milioni di pezzi trafugati all'estero" di SkyTg24 del giornalista John Pedeferri, già attore di teatro e di cinema, autore, tra l'altro, del podcast "Trafug'Arte" di Sky TG24 sui furti d'arte e le opere scomparse o ritrovate, disponibile su tutte le piattaforme on line. « Ci fu un tempo, qualche millennio fa, in cui Canosa di Puglia era ritenuta la città più importante del Meridione e i suoi abitanti, il popolo italico dei Dauni, erano così ricchi da riempire di vasi, di ori e statue decine di tombe a camera scavate nel tufo. Tombe grandi come abitazioni che esistono ancora sotto i palazzi, i condomini e le scuole della città.»

Esordisce così il giornalista John Pedeferri nella presentazione del servizio realizzato a Canosa di Puglia "Città D'Arte e di Cultura" : «"Davanti a me Cerbero, il guardiano del mondo dei morti, colui che è guardia dell'Imes, del confine fra noi e voi." Cerbero, un affresco disegnato sul frontone di una tomba, meglio dire ipogeo, saccheggiata dai tombaroli. Quasi tutte le tombe ormai sono vuote. Trovate ben poco dei vasi, dei crateri che c'erano una volta e che invece potete ammirare nei musei di tutto il mondo.» Poi, interviene il dottor Sergio Fontana, presidente della Fondazione Archeologica Canosina :«"Dappertutto ci sono vasi di Canosa, vasi e reperti archeologici canosini. Se sono lì in maniera lecita, se ovviamente sono invece stati trafugati in maniera illecita dal nostro territorio è bene che lo Stato italiano, attraverso le proprie sovrintendenze, richieda la restituzione di questi reperti"».

«In questo ipogeo, lo Scocchera B, - continua Pedeferri - il defunto era accompagnato da otto oranti canosine. Si tratta di statue femminili di circa un metro. Ce ne sono almeno 48 in giro per il mondo. A Canosa ne è rimasta una. Tre invece si trovano a Taranto e provengono dal sequestro al trafficante Gianfranco Becchina. Queste altre invece sono in bella mostra sul sito del Getty Museum, riconducibili ad un altro trafficante di opere d'arte: Giacomo Medici. La Puglia è stata saccheggiata, è stata depredata dei suoi tesori.»

«"Proprio per questo faccio questo appello, per due motivi, come Lino Banfi, attore più o meno conosciuto, come Pasquale Zagaria, cittadino pur nato ad Andria ma vissuto a Canosa di Puglia: beh, se qualcuno di voi veramente, nel piccolo, mi vuole bene e vuole bene a questo paese, trovate questi che hanno... cercate di farli tornare all'origine, sennò non avremo mai un turismo che viene a visitare gli ipogei di Canosa, mi sono spiegato? Ciao, grazie, grazie".» E' quanto dichiara Pasquale Zagaria in arte Lino Banfi a conclusione del servizio giornalistico curato nei dettagli da John Pedeferri teso alla tutela e salvaguardia dei beni culturali, patrimonio della comunità, come quello di Canosa di Puglia che deve rientrare ed essere conservato in modo appropriato e poter essere visibile a tutti.
  • Fondazione Archeologica Canosina
  • SkyTg24
Altri contenuti a tema
OFANTO LA VIA DEL FIUME OFANTO LA VIA DEL FIUME Il libro di Filli Rossi che sarà presentato a Canosa
Canosa: I beni culturali come volano anche economico Canosa: I beni culturali come volano anche economico Dal convegno "Creare economia con la cultura"
8 Canosa si racconta all'ANCRI BAT Canosa si racconta all'ANCRI BAT Le congratulazioni del presidente Cav. Cosimo Sciannamea
Creare economia con la cultura Creare economia con la cultura Convegno presso le absidi della Cattedrale di San Sabino
Canosa: “La città degli ipogei” Canosa: “La città degli ipogei” Il programma del tour alla scoperta dei principi dauni
Passa la sposa Ilenia con Renato Passa la sposa Ilenia con Renato Focus sulla zita in "archeologia"
Il viaggio nell’antica Canosa Il viaggio nell’antica Canosa A Bari, inaugurata la nuova esposizione presso l’Aeroporto  Karol Wojtyla
Canosa: Verso la Notte degli ipogei 2021 Canosa: Verso la Notte degli ipogei 2021 Gianluigi Belsito, tra i protagonisti della serata
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.