Oggi sereno
Temperature 5.612.6

SELECTED

Al “Calaponte Open Water” i nuotatori dell’Aquarius.

La parola al presidente Ruggiero Messina.


REDAZIONE CANOSAWEB
Giovedì 7 Maggio 2015 ore 6.59

Dal porto turistico di Polignano a Mare, Località Cala Ponte, è partita la traversata in acque libere valida per il Trofeo "Calaponte Open Water" inserito nel trittico di gare "CalaPonte Triweek 2015" organizzato dall'Otrè Triathlon Team nel primo e lungo week end di maggio. Due tragitti affrontati: quello di 7 Km con unico giro, partenza porto Cala Ponte Marina verso lo scoglio dell'Eremita, giro intorno allo scoglio, controllo numerico e ritorno al porto Cala Ponte Marina; l'altro di 3 Km, unico giro, partenza porto Cala Ponte Marina verso lo scoglio dell'Eremita, direzione boe rosse, tenute sulla destra, percorso triangolare. Oltre cento atleti dotati di cuffia, occhialini e muta, appartenenti ad una decina di team agonistici hanno partecipato alla traversata polignanese pur con condizioni meteo non favorevoli: tempo grigio, visibilità scarsa, e soprattutto mare a 15°, temperatura rigida e correnti marine gelide, con l'aggiunta nel finale della pioggia mentre solo nel primo pomeriggio è apparso il sole. Tra i partecipanti anche i nuotatori dell'Aquarius Piscina Canosa: Ruggiero Messina e Davide Mazza impegnati nella traversata più lunga di 7 km in mare aperto e Maurizio Piromalli nei 3 Km. Piazzamento a metà classifica generale per Ruggiero Messina e Davide Mazza, nello specifico 5° posto di categoria M35 con 2h16" per il primo e medaglia di bronzo per il secondo nella categoria M25 con 2h20". Per Maurizio Piromalli alla sua prima esperienza nelle gare in acque libere, nella 3km, si è classificato al 40° posto su circa 70 atleti con il tempo di 1h13". Tutti e tre soddisfatti delle prestazioni ottenute nelle acque di Polignano, in particolare il presidente della società agonistica Aquarius Piscina Canosa, Ruggiero Messina, questa volta in veste di nuotatore che ha raccontato la sua esperienza e le sensazioni provate in mare aperto: """Puoi riscaldarti nuotando da subito con ritmo sostenuto ma poi in un tempo lungo oltre due ore di nuotata arriva il momento del calo psico-fisico e si accusa il freddo. Devi così ritrovare la forza, la concentrazione per terminare e non annientare il lavoro fatto con i lunghi allenamenti. Sono soprattutto sfide personali che è bene coltivare ed allenare, prima di tutto, sotto l'aspetto psicologico oltre che fisico. Ore e ore di bracciate su bracciate, virate su virate, somatizzate in allenamento, guardando esclusivamente le mattonelle del fondo vasca di una piscina ma in mare aperto la storia è ben diversa. Inizi lentamente e con pochi stimoli ma con la capacità di aumentare progressivamente la frequenza delle bracciate, per incrementare lo scivolamento e velocizzare la nuotata, proprio come un motore diesel, fino a trovare il ritmo giusto e intenso che ti permette di macinare chilometri fino a spremere l'ultima goccia di energia necessaria per terminare. Sì perché quella distanza lì la senti addosso ma devi convincerti che ormai sei al punto di non ritorno, per l'impegno preso e per il sacrificio degli allenamenti svolti e, soprattutto, per la passione che lega questa disciplina all'ambiente entro cui si svolge, e non puoi fermarti. Senti le braccia di legno, pesanti, l'irritazione sul collo e sotto le braccia ma non puoi cedere! Dopo due ore tagli il traguardo e poco importa il risultato ma, la soddisfazione è tanta per chi ha lo spirito di realizzazione e la dedizione necessaria per preparare queste traversate, ripromettendoti di partecipare ad un altra simile, possibilità che in allenamento avresti escluso con certezza. Sono esperienze che non tutti si concedono, forse perché si crede di non avere la forte caparbietà mentale di resistenza ma nessuno dovrebbe sentirsene escluso dal provarle. Al termine di questa traversata posso dare un significativo suggerimento di non porsi mai delle esclusioni, no limits, ma a perseguire la meta prefissa sia nello sport come nella vita quotidiana!"""
E' un chiaro invito a praticare lo sport, uno spot sullo sport fatto di sacrifici e passione tesa ad occuparsi del benessere della propria salute, sia a livello fisico che mentale, per esprimere la gioia di vivere, per realizzarsi e per divertirsi nuotando anche lunghe distanze, bracciata dopo bracciata per raggiungere i propri obiettivi.
Bartolo Carbone
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:

Calaponte Open Water
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
CanosaWeb Magazine è una testata giornalistica in attesa di registrazione.