Oggi sereno
Temperature 15.428.7

SELECTED

Quando Di Vittorio stava a Minervino…

A 60 anni dalla morte del padre del sindacato


REDAZIONE CANOSAWEB
Sabato 12 Agosto 2017 ore 16.03

"Quando Di Vittorio stava a Minervino…", la storia di ciò che accadde nel comune murgiano negli anni in cui Peppino Di Vittorio(Cerignola, 11 agosto 1892 – Lecco, 3 novembre 1957) era coordinatore della Camera del lavoro comunale sarà raccontata a 60 anni dalla sua morte. Dal 1913, lo ricordiamo, Di Vittorio, poco più che ventenne, diresse la Cgil a Minervino Murge dopo aver trascorso già i primi anni della sua vita per i lavoratori e tra i lavoratori. L'iniziativa, organizzata dall'Associazione Cecchino Leone, con il patrocinio del Comune di Minervino Murge e della Cgil di Barletta Andria Trani, è in programma domenica 13 agosto a Minervino Murge(BT), presso Villa Faro, alle ore 21.00. Coordina Angela Tempesta dell'Associazione Cecchino Leone. Interverranno, dopo l'introduzione di Giuseppe Chiodo, presidente dell'Associazione Cecchino Leone, Massimiliano Desiante, ricercatore Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea e Giuseppe Deleonardis, segretario generale della Cgil Bat. Sono previsti i saluti del sindaco di Minervino Murge, Maria Laura Mancini.

Il programma prevede anche la presentazione di video e testi con le voci di Andrea Elifani, Franca Leporiere e Loredana Sassi. Inoltre, durante la serata, ci sarà anche l'esibizione della Compagna di Cantastorie Cantacunti. "Nel corso dell'iniziativa – spiegano dall'organizzazione - ci sarà anche l'esposizione di bandiere a cui Peppino Di Vittorio dedicò il suo impegno civile, politico e sindacale". Il segretario generale Cgil Bat Giuseppe Deleonardis commenta:"Abbiamo con piacere patrocinato questa serata dell'Associazione Cecchino Leone perché siamo convinti dell'attualità del pensiero di Di Vittorio e dell'importanza del suo impegno soprattutto alla luce della battaglia della Cgil per una nuova Carta dei Diritti dei lavoratori che si muove proprio sulla sorta dell'esperienza di Peppino. Consapevole della gravità della situazione italiana nel primo dopoguerra, Di Vittorio si fece promotore del primo Piano del Lavoro della storia della Repubblica italiana per dare una risposta ai due milioni di disoccupati che si contavano in quelli anni. Esattamente ciò che sta la Cgil sta tentando di fare oggi".

Francesco Lafaenza il 13 agosto alle 10.35
E Canosa, dove il 23 ottobre 1957, cioè 10 giorni prime di morire, Peppino Di Vittorio fece uno dei suoi ultimo comizi in Piazza della Repubblica, a tutt'oggi è forse l'unico Comune della Puglia a non aver intitolato alcunchè a questo nostro grande conterraneo. Eppure ci sono state delle delibere in tal senso (l'ultima di qualche mese fa) mai attuate!!
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di CanosaWeb e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Quando Di Vittorio stava a Minervino…
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
CanosaWeb Magazine è una testata giornalistica in attesa di registrazione.